babelmed - il sito sulle culture del mediterraneo - Homepage | babelmed,cultura mediterranea,società mediterranea,informazione e dibattito nel Mediterraneo,dossier e inchieste nel Mediterraneo,diario di viaggio nel Mediterraneo,arte nel Mediterraneo,spettacolo nel Mediterraneo,musica nel Mediterraneo,letteratura nel Mediterraneo,poesia nel Mediterraneo,cinema mediterraneo,teatro mediterraneo,artista mediterraneo,arte culinaria del Mediterraneo,mondo arabo in movimento,libro nel Mediterraneo,traduzione nel Mediterraneo
“In prima linea”- Donne fotoreporter in luoghi di guerra
babelmed   

“In prima linea”- Donne fotoreporter in luoghi di guerra | babelmed | cultura mediterraneaQuattordici donne “armate” solo della loro macchina fotografica, in prima linea nei punti caldi del mondo dove ci sono guerre, conflitti, miserie e drammi umani. Con coraggio, sensibilità e professionalità ci aiutano a capire, a non dimenticare, a fermarci a pensare.

 
Sarajevo, my love!
Tatjana Đorđević   

Sarajevo, my love! | babelmed | cultura mediterranea“Sarajevo, my love” è il documentario della giornalista turca Eylem Kaftan, in lingua inglese, che traccia un profilo di Jovan Divljak, generale dell'esercito serbo che scelse di schierarsi al fianco delle vittime bosniache, per raccontare il doloroso processo di recupero dal dramma della guerra che ancora scuote la Bosnia.

 
"Ballando con Averroè" di Toni Maraini
Karim Metref   

"Ballando con Averroè" di Toni Maraini | babelmed | cultura mediterranea“Ancora una che ha scoperto le bellezze di Marrakech e che ci parlerà dei suq, della luce, dei colori, dei profumi e dei rumori della vecchia medina…” Invece fui piacevolmente sorpreso. La persona che scopriì quella sera era tutto tranne una turista in cerca di esotismo. E il libro era tutt’altro che un raccolta di cartoline.

 
Quei ragazzi tunisini partiti per la Siria, e le loro madri
Emanuela Frate   

Quei ragazzi tunisini partiti per la Siria, e le loro madri | babelmed | cultura mediterraneaNel nuovo film di Ridha Behi, Fleur d’Alep, presentato recentemente alle Journées Cinématographiques de Carthage, la Tunisia fa i conti con il crescente fenomeno dei foreign fighters: ragazzi partiti dalla Tunisia per unirsi allo Stato Islamico. E racconta le madri, che non si arrendono a una radicalizzazione che contraddice i valori su cui hanno fondato le loro vite.

 
Lo scrittore Ahmed Naji resta in prigione
Mada Masr   

Lo scrittore Ahmed Naji resta in prigione | babelmed | cultura mediterraneaUn tribunale del Cairo ha rigettato, il 16 luglio scorso, la richiesta di sospensione della pena presentata dallo scrittore trentenne Ahmed Naji, che ha già trascorso in carcere 6 mesi dei complessivi 2 anni di prigione a cui è stato condannato da un tribunale del distretto Cairo Nord per attentato alla morale pubblica a causa dal suo romanzo “Istikhdam al-Hayah” (Usare la vita), pubblicato sulla rivista letteraria governativa Akhbar al-Adab l’anno scorso. (Ebticar/Mada Masr)

 
“Un aspiro-narghilè resistente”
Syria Untold / Ebticar   

“Un aspiro-narghilè resistente” | babelmed | cultura mediterraneaMaan Alhasbane era seduto con uno dei suoi amici a improvvisare barzellette ciniche sulla politica del regime siriano, quando l'amico gli ha suggerito di registrarle, trasformarle in video e pubblicarle sui social network.

 
Chi sono i baltaghiya*?
Amnia Khalil   

Chi sono i baltaghiya*? | babelmed | cultura mediterraneaAlcuni di loro s’intascano un po’ di soldi, alle volte per andare a votare il candidato che gli offre di più, altri vengono intimiditi dalla polizia di quartiere con la minaccia di creare un processo farsa contro di loro o di arrestare i parenti. “Sempre con le spalle al muro”, senza possibilità di difendersi. Articolo ripreso da Safir al Arabi.

 
Appello per il diritto della societa’ civile all’esercizio di denuncia e solidarieta’
babelmed   

Appello per il diritto della societa’ civile  all’esercizio di denuncia e solidarieta’ | babelmed | cultura mediterraneaIl 30 giugno, nel corso di un incontro che si è tenuto a Genova per celebrare i dieci anni dell’attività italiana di Emergency a fianco dei migranti, si è verificato un episodio che riteniamo indicativo dell’inasprimento che sta cambiando il modo in cui le istituzioni che si occupano di migrazione guardano alla società civile e al suo ruolo.

 
Fermare l'orrore delle carceri siriane
Amnesty International   

Fermare l'orrore delle carceri siriane | babelmed | cultura mediterraneaDall'inizio della crisi in Siria nel 2011, le autorità siriane hanno sottoposto decine di migliaia di persone a detenzione arbitraria o sparizione forzata. Molte di loro sono state sottoposte a torture o altri maltrattamenti nei centri di detenzione e si riporta che 17.723 siriani siano morti di conseguenza in custodia.

 
Il “burkini” come il “velo”: proiezione feticistica di un passato coloniale che non passa
Annamaria Rivera   

Il “burkini” come il “velo”: proiezione feticistica di un passato coloniale che non passa | babelmed | cultura mediterraneaPer chi, com’è nel mio caso, si sia occupata sistematicamente dei ricorrenti “affaire del velo” francesi, anche le ordinanze comunali che vietano il “burkini” e il relativo battage politico e mediatico appaiono come un caso d’isteria politica, per riprendere la formula proposta nel 2004 da Emmanuel Terray.

 
Arresti, minacce, torture. Così il governo turco impone il silenzio stampa
Cristiana Scoppa   

Arresti, minacce, torture. Così il governo turco impone il silenzio stampa | babelmed | cultura mediterraneaContinua il pugno di ferro del governo turco nei confronti di giornalisti e media indipendenti. In particolare quelli curdi. Lo stato di emergenza offre una copertura ideale per aumentare la pressione nei confronti dei curdi. A farne le spese sono anche giornalisti turchi, arrestati e detenuti senza motivo, insultati, minacciati. Le loro testimonianze dopo il rilascio, diffuse dalla Federazione internazionale dei giornalisti.

 
L’associazione “Obour” di Tartus
Syria Untold / Ebticar   

L’associazione “Obour” di Tartus | babelmed | cultura mediterraneaIl valore di questa ONG risiede sia nell’impegno di colmare le disparità causate dalla guerra tra i diversi schieramenti della società siriana, sia nel luogo in cui lavora: Tartus, una città che testimonia la crescente ostilità tra le diverse confessioni degli abitanti locali e degli sfollati provenienti dalle zone di combattimento.

 
Workshop di filmmaking - “Roma, la città dei migranti. Tre generazioni, un racconto”
babelmed   

Workshop di filmmaking - “Roma, la città dei migranti. Tre generazioni, un racconto” | babelmed | cultura mediterraneaCondotto da Paolo Martino, regista, blogger, esperto del fenomeno delle migrazioni contemporanee a cura di Sergio Di Giorgi e Patrizia Rappazzo  promosso da Milano Film Network e Sguardi Altrove Film Festival - Casa del Cinema - 20-24 settembre 2016 Roma.

 
Tamarindo: satira e umorismo per resistere alla dittatura
Syria Untold / Ebticar   

Tamarindo: satira e umorismo per resistere alla dittatura | babelmed | cultura mediterraneaIl venditore di tamarindo è un personaggio amato da ogni siriano, indipendentemente dalla sua appartenenza, ragione per cui il gruppo lo ha scelto come simbolo delle sue azioni e suo eroe.

 
“La lunga strada gialla”, il Sud Italia rurale in un film
Cristiana Scoppa   

“La lunga strada gialla”, il Sud Italia rurale in un film | babelmed | cultura mediterraneaRacconta l’incredibile viaggio – 72 giorni a dorso di mulo – di Mirko Adamo e Federico Price Bruno, che hanno deciso di risalire l’Italia, da Portella della Ginestra a Roma per sensibilizzare sulla sorte e il destino assai critico delle zone rurali del Meridione d’Italia, sempre più spopolate. Regia di Christian Carmosino e Antonio Oliverio. Premio “Ambiente e società” al Festival Cinemambiente di Torino.

 

Inizio | Prev_Page 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next_Page | Fine

Pagina 1 di 33