babelmed - il sito sulle culture del mediterraneo - Homepage | babelmed,Mediterranean culture,Mediterranean society,information and debate in the Mediterranean,dossier and report in the Mediterranean,travel narrative in the Mediterranean,Art in the Mediterranean,spectacle in the Mediterranean,music in the Mediterranean,literature in the Mediterranean,poetry in the Mediterranean,Mediterranean cinema,Mediterranean theater,Mediterranean artist,culinary arts in the Mediterranean,Arab world moving,book in the Mediterranean,translation in the Mediterranean
MUZZIKA ! Novembre 2013
Nadia Khouri-Dagher   

MUZZIKA !  Novembre 2013 | babelmed | cultura mediterraneaEccezionale raccolto d'autunno questo novembre! Maghreb e Medio Oriente. Il duo di chitarra e percussioni di Kevin Seddiki e Bijan Chemirani. Anissa (Bensalah) ci regala un primo disco “brasiliano”. Le musiche del Kurdistan. Il violinista belga Daniel Willem e il suo gruppo con il loro jazz manouche. Infine, il grande Charles Aznavour...

 
A Melilla nuove lame per fermare i migranti
Federica Araco   

A Melilla nuove lame per fermare i migranti | babelmed | cultura mediterraneaUn giovane subsahariano è morto e altri quattro sono rimasti feriti alla frontiera spinata di Melilla, tra Marocco e Spagna. Madrid intanto stanzia nuovi fondi per ripristinare las cuchillas, piccole lame aguzze lungo la rete di protezione.

 
“Gezi Park ha buttato giù i muri tra curdi e nazionalisti turchi”
Övgü Pinar   

“Gezi Park ha buttato giù i muri tra curdi e nazionalisti turchi” | babelmed | cultura mediterraneaIntervista a Kadri Gürsel, editorialista del quotidiano turco “Milliyet” e del sito “Al Monitor”, presidente del Comitato Nazionale turco dell’International Press Institute.

 
Appello degli artisti algerini
Ghania Khelifi   

Appello degli artisti algerini | babelmed | cultura mediterraneaGli artisti e i creatori algerini vivono in una specie di no man's land giuridico e amministrativo, e nessuno di loro riesce a vivere del proprio lavoro artistico a causa dell'assenza di un mercato dell'Arte.

 
Una madrasa del teatro
Övgü Pinar   

Una madrasa del teatro | babelmed | cultura mediterraneaIn un piccolo villaggio del versante egeo della Turchia è nato un esempio unico di istituto popolare. Creato con finanziamenti pubblici, il Teatro Madrasa offre agli artisti la possibilità di stare insieme, fare ricerca e pratica in un contesto “fuori dal mondo”.

 
"Just about my fingers". Storie di confini e impronte digitali
Federica Araco   

L’intervista a Paolo "Just about my fingers". Storie di confini e impronte digitali | babelmed | cultura mediterraneaMartino, regista del documentario sulle terribili condizioni in cui profughi e richiedenti asilo sono costretti a vivere in Grecia, sospesi per anni tra l’Europa e il Levante.

 
"DAR CASA", Cronaca di un sogno realizzato
babelmed   

"DAR CASA", Cronaca di un sogno realizzato | babelmed | cultura mediterraneaGrazie al lavoro volontario di tantissime persone per 23 anni, DAR oggi è una realtà consolidata e offre case in affitto a basso prezzo (e non solo) a famiglie in difficoltà impossibilitate a rivolgersi al mercato per aver un tetto per se e la propria famiglia, vivere e crescere in un ambiante sociale accogliente.

 
Il divano nella riva sud. Colloquio con Jalil Bennani
Nathalie Galesne   

Il divano nella riva sud. Colloquio con Jalil Bennani | babelmed | cultura mediterraneaPioniere della psicanalisi in Marocco, Jalil Bennani, psichiatra e psicanalista, scrittore, vincitore del premio “Sigmund Freud della città di Vienna” per l'insieme della sua opera, ci parla del modo in cui le società magrebine, in particolare quella marocchina, si sono lentamente appropriate la teoria freudiana, reinventandola. Oggi, anche se di recente acquisizione, è socialmente ammessa.

 
I Chami: il genocidio dimenticato
Emanuela Frate   

I Chami: il genocidio dimenticato | babelmed | cultura mediterraneaQuesta popolazione di etnia e lingua albanese e di religione prevalentemente musulmana vive nella Ciamuria, un’area situata nella zona costiera al confine tra Grecia e Albania. Per decenni fu oggetto di maltrattamenti e persecuzioni, fino a una vera e propria pulizia etnica. Una questione irrisolta.

 
I muri di Gezi Park
Övgü Pınar   

I muri di Gezi Park | babelmed | cultura mediterraneaLo spirito delle proteste ancora riecheggia dai muri, che sono stati decorati con graffiti creativi e slogan.

 
Mondi separati riuniti attraverso le arti
Övgü Pınar   

Mondi separati riuniti attraverso le arti | babelmed | cultura mediterraneaDal porticato che circonda il Teatro Madrasa fino alle colline ricoperte da ulivi, echeggiano le note di canzoni in turco, curdo, arabo, greco e portoghese... Sono canti di preghiera, lamento, celebrazione intonati da attori provenienti da Turchia, Cipro e Italia, riuniti dal progetto “WALLS-Separate Worlds”.

 
Nella terra dei Sanniti Pentri
Federica Araco   

Nella terra dei Sanniti Pentri | babelmed | cultura mediterraneaUn trekking a cavallo lungo antichi tratturi e sentieri di montagna tra siti archeologici, borghi medievali e riserve naturali di una delle regioni più incontaminate d’Italia: il Molise.

 
“Il teatro è una pratica di xenofilia”
Övgü Pınar   

“Il teatro è una pratica di xenofilia” | babelmed | cultura mediterraneaIntervista a Fabio Tolledi, direttore artistico di Astragali Teatro (Lecce) e presidente del centro italiano dell’International Theatre Institute.

 
The end. La solitudine dello spettatore
Federica Araco   

The end. La solitudine dello spettatore | babelmed | cultura mediterraneaIl secondo titolo della nuova collana Edizioni CinemaSud propone unariflessione poetica e coinvolgente sulla figura dello spettatore e sul particolare distacco che segue l’ultimo fotogramma. L’intervista di Babelmed all’autrice, Martina Bonichi.

 
Moni Blues, il teatro di Moni Ovadia
Stefanella Campana   

Moni Blues, il teatro di Moni Ovadia | babelmed | cultura mediterranea

Nel saggio di Paola Bertolone una meticolosa ricerca sulla produzione di uno dei maggiori artisti dello spettacolo contemporaneo, ideatore e regista di un teatro musicale il cui filo conduttore è “il vagabondaggio culturale e reale” proprio del popolo ebraico di cui si sente figlio e rappresentante.

 

Inizio | Prev_Page 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 Next_Page | Fine

Pagina 25 di 35