ULYSSE 2.0, un viaggio virtuale nella gioventù mediterranea | babelmed
ULYSSE 2.0, un viaggio virtuale nella gioventù mediterranea Stampa
babelmed   
Il progetto internazionale di formazione al giornalismo multipiattaforma «Ulisse 2.0 – rete, giornalismo, web» , organizzato da COPEAM (associazione che riunisce gli operatori dell’audiovisivo dell’area mediterranea), Canal France International, la Scuola di Giornalismo di Lille e il canale televisivo marocchino 2M , è arrivato alla fine del suo percorso in due tappe (Montpellier e Casablanca) con la pubblicazione di un web-doc sulla gioventù mediterranea: www.ulysse2.com .

ULYSSE 2.0, un viaggio virtuale nella gioventù mediterranea | babelmed

Dopo aver approfondito, in una sessione teorica a Montpellier, le potenzialità e le sfide della rivoluzione digitale, 11 giovani giornalisti provenienti da Marocco, Algeria, Tunisia, Giordania, Palestina, Turchia, Romania e Croazia hanno lavorato per una settimana a Casablanca come una vera redazione multimediale e interculturale. Sotto il coordinamento di professionisti come Marco Nassivera (caporedattore di ARTE Reportage ), i partecipanti hanno realizzato un progetto comune dando un volto, attraverso dei ritratti multimediali, a questa « Generazione Mediterraneo » oggi più che mai portatrice di progetti, cambiamento e speranza.

Fondatori di associazioni in difesa dell’ambiente e del mare, giovani produttori della scena musicale emergente, blogger e creatori di piattaforme web innovative, titolari di giornali, registi e cantanti, imprenditori informatici o artigiani che hanno scelto di portare avanti i mestieri e le tradizioni della loro famiglia: è a questa gioventù mediterranea che i giornalisti di “Ulisse 2.0” hanno voluto dare la parola. Incrociando i loro sguardi e le loro competenze professionali, hanno dimostrato come i nuovi media siano uno strumento efficace per raccontare le tante storie di questo Mediterraneo in ebollizione.

ULYSSE 2.0, un viaggio virtuale nella gioventù mediterranea | babelmedAppuntamento per un bilancio dell’iniziativa a Cipro (12-15 maggio 2011) in occasione della Conferenza annuale della COPEAM.



parole-chiave: