“There is nothing left”  | babelmed
“There is nothing left” Stampa
babelmed   
L’Alexandria Arts Forum , Egitto, presenta la mostra “There’s nothing left”( Non c’è più niente) di Céline Condorelli e Uriel Orlow, in programma fino al 15 gennaio 2012
“There is nothing left”  | babelmed
In “There is nothing left” (Non c’è più niente) diversi lavori di Céline Condorelli e Uriel Orlow sono messi a confronto in un’istallazione composita. La mostra esplora i vicoli ciechi, i cambiamenti improvvisi e le dissolvenze nelle grandi narrazioni della storia a partire da Alessandria e dal Canale di Suez nell’Egitto del ventesimo secolo. Una serie di istallazioni consente di percepire chiaramente i movimenti spazio-temporali: movimenti di persone e merci, il flusso dei capitali, le strategie politiche, la rimozione di statue (e di regimi) e il passaggio delle specie migratorie.

La mostra sarà accompagnata dalla presentazione di un libro d’arte, Terrains Vagues/ حركات غير مكتملة/ Persistent Images disegnato da Sophie Demay e Lola Halifa-Legrand che contiene interviste a Bassam El Baroni, Marianne Hultman, Jean-Marie Straub, e un testo di Gilane Tawadros.

“Il n’y a plus Rien” (Non c’è più niente) della Condorelli nasce da Manifesta 8, a Murcia, e per la prima volta si inserisce nel progetto complessivo allo spazio ACAF, Alessandria, sotto la direzione artistica di Bassam El Baroni. La pubblicazione è stata realizzata in collaborazione con l’Oslo Fine Art Society /Oslo Kunstforening, dove un’altra versione della mostra sarà proposta a marzo 2012, a cura di Marianne Hultman.

L’evento e la pubblicazione sono sostenuti da Pro Helvetia – the Swiss Arts Council, Cairo.


Per maggiori informazioni:
www.acafspace.org

Alexandria Contemporary Arts Forum (ACAF)
10 Hussein Hassab Street, Flat 6,
Azarita, Alexandria, Egypt

parole-chiave: