Spunta la Primavera digitale al Salone del Libro | Almudena Grandes, Clara Sanches, Enrique Vila-Matas, Pérez-Reverte, Ildefonso Falcones, Norman Manea, Mircea Dinescu, Gabriela Adamesteanu, Dan Lungu
Spunta la Primavera digitale al Salone del Libro Stampa
babelmed   

Spunta la Primavera digitale al Salone del Libro | Almudena Grandes, Clara Sanches, Enrique Vila-Matas, Pérez-Reverte, Ildefonso Falcones, Norman Manea, Mircea Dinescu, Gabriela Adamesteanu, Dan LunguDa oggi e fino a lunedì 14 maggio libri, scrittori e tanti personaggi invaderanno Torino. Al Lingotto, ma anche nei quartieri della città, va in scena per il 25° anno il Salone internazionale del Libro, kermesse con 1200 espositori, che in questa edizione ha scelto come paesi ospiti la Romania e la Spagna con i loro più importanti scrittori: da Almudena Grandes e Clara Sanches a Enrique Vila-Matas, da Pérez-Reverte a Ildefonso Falcones. Tra i 23 scrittori rumeni sono presenti anche Norman Manea, Mircea Dinescu, Gabriela Adamesteanu, Dan Lungu.

Non manca tra gli innumerevoli appuntamenti di centinaia fra autori, filosofi, esperti, politici e antipolitici quello con Beppe Grillo, domenica 13, non invitato dal programma ufficiale del Salone ma dall’editore (Chiarelettere) del suo libro dal titolo molto esplicativo “Siamo in guerra. Il crollo del vecchio mondo”. Ernesto Ferrero, direttore artistico del Salone, non nasconde qualche preoccupazione nei confronti del comico genovese reduce dal successo elettorale: “Spero che Grillo parli di cose concrete, abbandonando l’insulto e l’invettiva che non ci appartengono. Siamo per il confronto libero e rispettoso”.

Grande attesa anche per i grandi nomi internazionali come l’americana Elisabeth Strout, l’indiano Amitav Ghosh, lo svedere Bjorn Larsson, Tahar ben Jalloun, Luis Sepùlveda. Spiccano tra gli italiani, Erri De Luca, Massimo Gramellini, Alessandro Baricco, Gian Antonio Stella, Dacia Maraini, l’arcivescovo di Milano Scola. Si parlerà del presente difficile e degli scenari futuri della democrazia con Gustavo Zagrebelsky, ma anche di Gramsci e di Giulio Einaudi. Spazio pure alla musica con MTV e concerti all’Auditorium e al tema di quest’anno sulla Primavera Digitale che impone agli editori nuove strategie. L’International Book Forum, l’area business che ha favorito negli ultimi undici anni lo scambio dei diritti di trasposizione multimediale da parte di operatori di trenta paesi, si arricchisce in questa edizione dell’Adapt Lab che trasforma libri di successo in sceneggiature cinematografiche.

Anche quest’anno un’area del Salone è dedicata a Lingua Madre che ospita autrici di tutto il mondo e dove saranno premiate le vincitrici del concorso rivolto alle donne straniere che scrivono in italiano, tra cui l’albanese Migena Proi.


www.salonelibro.it