Trasformazioni politiche e revival religioso nel mondo arabo | Primavera araba, Università di Torino, Il Ponte sulla Dora, Paralleli, Compagnia di San Paolo, Comune di Torino
Trasformazioni politiche e revival religioso nel mondo arabo Stampa
babelmed   

Trasformazioni politiche e revival religioso nel mondo arabo | Primavera araba, Università di Torino, Il Ponte sulla Dora, Paralleli, Compagnia di San Paolo, Comune di Torino

Le trasformazioni politiche che ci siamo abituati a qualificare come “Primavera araba” hanno conferito nuova attualità al dibattito sul ruolo dell'islam in politica. I movimenti islamici non hanno avuto un ruolo di rilievo nelle manifestazioni di contestazione che hanno interessato dal dicembre 2010 diversi paesi dell'Africa settentrionale e del Medio Oriente. Eppure, i partiti islamisti sono stati i vincitori delle libere elezioni successive ai sollevamenti, laddove sono state indette.

Le diverse manifestazioni dell'islamismo nelle Primavere arabe, e le trasformazioni politiche che ne sono seguite, portano a rimettere in discussione l'analisi delle trasformazioni in corso che è prevalsa all'indomani della caduta di Ben Ali in Tunisia. Quest'ultima si è concentrata sul ruolo dei movimenti sociali e giovanili e dei nuovi media digitali, rievocando l'ondata di democratizzazione seguita alla fine del comunismo. Le specifiche configurazioni dell'islam politico nelle Primavere arabe portano anche a mettere in discussione le analisi di ciò che è stato variamente qualificato come islamismo nella letteratura francofona, e fondamentalismo islamico nella tradizione anglofona, come oggetto di studio a sé stante. Tali analisi, che dalla rivoluzione iraniana del 1979 si sono dedicate all'identificazione dei tratti distintivi dell'islam politico, dopo gli attentati dell'11 settembre 2001 sono spesso state orientate a considerazioni d'ordine securitario rispetto all'emergere del "terrorismo internazionale".

La conferenza è dedicata alla dimensione economica e sociale delle “Primavere arabe” e ai mille significati politici che l'islam può assumere. A partire da ricerche sul campo in corso, si analizzeranno diverse manifestazioni di religiosità nella società, e diverse configurazioni sociali attraverso specifiche manifestazioni di religiosità. Adottando una prospettiva comparata, si esploreranno nuovi modi di interpretare le trasformazioni politiche in corso e i molteplici significati che l'islam può avere, e non avere.



 

Trasformazioni politiche e revival religioso nel mondo arabo | Primavera araba, Università di Torino, Il Ponte sulla Dora, Paralleli, Compagnia di San Paolo, Comune di Torino

La conferenza, ospitata dal Dipartimento di Culture, Politica e Società dell'Università di Torino, è organizzata nell'ambito di un partenariato franco-italiano che vede coinvolti il Reseau Européen d'Analyse des Sociétés Politiques  e il Torino World Affairs Institute, grazie al contributo di Compagnia di San Paolo e al sostegno del Comune di Torino, nell'ambito del programma Torino incontra la Francia, di Paralleli, Istituto Euromediterraneo del Nord Ovest, e della libreria Il Ponte sulla Dora. Le lingue di lavoro saranno il francese e l'inglese.

 

 


 

Direzione scientifica e organizzazione:

Jean-François Bayart, CNRS/CERI-Sciences Po & REASOPO, bayart@ceri-sciences-po.org

Irene Bono, Università di Torino & T.wai, irene.bono@unito.it