Roma come Lampedusa. Racconti dalla città invisibile | Roma multietnica, Centro Astalli, Khalid Chaouki, Fondazione Integra/Azione, Susi Fantino, Ribka Sibhatu
Roma come Lampedusa. Racconti dalla città invisibile Stampa
babelmed   

Roma come Lampedusa. Racconti dalla città invisibile | Roma multietnica, Centro Astalli, Khalid Chaouki, Fondazione Integra/Azione, Susi Fantino, Ribka SibhatuLe Biblioteche di Roma, in seguito ai drammatici avvenimenti di Lampedusa, hanno dato vita a una serie di iniziative di solidarietà e di sensibilizzazione. Tra queste l'iniziativa Roma come Lampedusa. Racconti dalla Città invisibile che affronterà in diverse biblioteche il tema delle migliaia di rifugiati e di richiedenti asilo invisibili, abitanti dei tanti insediamenti informali e di fortuna, in condizioni di vera emarginazione.

L'obiettivo è soprattutto quello di far emergere e denunciare una situazione ancora molto sommersa, pur essendo una grave emergenza, e farla conoscere ai cittadini romani tramite le immagini e le voci dei protagonisti.

Si inizierà alla Biblioteca Appia in via La Spezia, 21 venerdì 29 novembre 2013 dalle 17 alle 20.30.

Nel programma si alterneranno proiezioni di corti e documentari dell'Archivio delle Memorie Migranti con le testimonianze di rifugiati, richiedenti asilo, volontari e operatori, che provengono sia dagli insediamenti/occupazioni sia dai centri di accoglienza.

L'evento è organizzato insieme all'Associazione Cittadini del Mondo con il Centro Astalli e la Fondazione Integra/Azione. Alla presenza di: Silvio Di Francia, Gabinetto del Sindaco di Roma Capitale; Susi Fantino, Presidente VII Municipio; Khalid Chaouki, Deputato alla Camera e giornalista. In contemporanea con le testimonianze degli adulti, per tutti i bambini presenti sarà possibile ascoltare letture di fiabe, tratte dal libro L’esatto numero delle stelle e altre fiabe dell’altopiano eritreo, di  Ribka Sibhatu (Sinnos editrice 2012) a cura dell’attore Simone Bobini e di Maria Santos, del Gruppo Volontari Biblioteche di Roma.


 

Per maggiori informazioni:

http://www.romamultietnica.it/