Catching Tales | mostra, fotografia, Linke, Francesco Stelitano, David de la Cruz, Ilaria di Biagio, Miho Kajioka, Chiara Oggioni Tiepolo, Valeria Ribaldi
Catching Tales Stampa
babelmed   

Catching Tales | mostra, fotografia, Linke, Francesco Stelitano, David de la Cruz, Ilaria di Biagio, Miho Kajioka, Chiara Oggioni Tiepolo, Valeria Ribaldi

Giovedì 13 a Milano si inaugura la mostra a cura di Chiara Oggioni Tiepolo e Valeria Ribaldi con fotografie di David de la Cruz, Ilaria di Biagio, Miho Kajioka e Francesco Stelitano.

Quattro giovani autori raccontano una storia e loro stessi attraverso di essa. Quattro linguaggi diversi volutamente accostati, affinché ciascuno possa trovarvi il proprio narratore. Un sentiero sconnesso, tortuoso e un po’ accidentato. Bruschi cambi di campo, scene che si sovrappongono, racconti diversi. Dimensioni rarefatte a immortalare le conseguenze di un fatto di cronaca, visioni astratte dal tempo per dipingere la modernità, una mano che improvvisamente sparisce nell’accompagnarti verso la crescita, una profezia che si avvera.

La spiaggia di Fukushima, una volta meta turistica, ritrovata deserta nel pieno di un agosto post disastro nucleare; la Berlino del terzo millennio ritratta nelle sue figure e nei suoi scorci fuori dall’oggi; l’assenza vissuta attraverso l’onda lunga di un ricordo espanso, un viaggio in nord Europa percorso con, percorso senza; inquietanti simmetrie, Matrix prende forma a Milano.

Gli autori

David De La Cruz è nato a Madrid, si è diplomato presso l’IEFC di Barcellona. Attualmente lavora fra la Spagna e l’Italia come fotografo freelance dedicandosi a progetti documentaristici. I suoi lavori si focalizzano sulla ricerca dei legami fra l’uomo e l’ambiente circostante. Ha esposto le sue immagini in diverse gallerie e musei sia in mostre individuali che collettive. Ha ricevuto la nomina di “Descubrimientos Photoespaña“ nel 2012. È stato finalista del premio Blurb 2011. Nel 2010 ha ricevuto una menzione d’onore all’International Photgraphy Awards e nel 2009 finalista del festival Stripart.

Ilaria Di Biagio è nata a Firenze nel 1984, è cresciuta in una vecchia casa di campagna, dove vive tuttora. Il suo interesse per la fotografia inizia a 11 anni, quando riceve una Yashica in regalo. Frequenta la Scuola Marangoni di Firenze e dal 2006 al 2010 studia Antropologia Visuale e Giornalismo d'inchiesta a Roma, focalizzando la sua attenzione su temi sociali e lavora a La Maddalena, Haiti, Ecuador. Durante il corso in Advanced Visual Storytelling presso la Danish School of Media and Journalism ad Aarhus (2011), approfondisce uno sguardo più personale, che la porterà a produrre "The thin line" e "Fragile" un lavoro a lungo termine esposto al Chobi Mela VII in Bangladesh e pubblicato su CNN PhotoBlog. Attualmente si dedica a progetti in Italia, interessata a rappresentare il proprio punto di vista su persone e luoghi a cui è legata.

Miho Kajioka, giapponese, è nata nel 1973. Ha frequentato il San Francisco Art Institute, Department of Fine Arts ed ha conseguito la laurea in Belle Arti alla Concordia University. Dal 2004 al 2007 è stata direttrice delle notizie dall’estero per la Fuji Television Network. Dal 2007 al 2011 ha svolto il ruolo di produttrice e responsabile delle news dall’Asia alla TV brasiliana Rede Record. Dal 2011 al 2013 ha lavorato come produttrice e organizzatrice per reti televisive straniere e case di produzione quali CBS, Swiss Broadcasting Co., France 24, O.R.F. (Tv austriaca). Nel 2013 ha vinto il Fotoleggendo di Roma con il portfolio “As it is”. 

Francesco Stelitano, nato a Sarzana nel 1982, è distribuito dall’agenzia LuzPhoto. Le sue immagini sono apparse su Wired, Internazionale e Twill tra gli altri, e sono state esposte in Inghilterra, Francia, Stati Uniti ed Italia attraverso gallerie e festival.

 

Inaugurazione:

giovedì 13 marzo 2014

dalle ore 18,00 alle ore 22,00

Fino all’11 aprile

presso:

Linke Lab

via Avancinio Avancini 8, Milano

(Metro 2 Fermata Abbiategrasso)