SABIRMaydan, dialoghi intorno alla cittadinanza mediterranea | SabirFest, casa editrice Mesogea, COSPE, SABIRMaydan
SABIRMaydan, dialoghi intorno alla cittadinanza mediterranea Stampa
babelmed   

SABIRMaydan, dialoghi intorno alla cittadinanza mediterranea | SabirFest, casa editrice Mesogea, COSPE, SABIRMaydan

Nell’ambito del Festival di letteratura mediterranea SabirFest, che si terrà a Messina dal 25 al 28 settembre 2014, si svolgerà SABIRMaydan, una finestra sulla cittadinanza mediterranea, evento organizzato da COSPE e dalla casa editrice siciliana Mesogea. SABIR Maydan sarà uno spazio di espressione, creatività, confronto delle mille realtà che compongono i territori del Mediterraneo, ricchi di storia e cultura, ma alla ricerca di diritti civili e nuove opportunità di riscatto.

Negli ultimi anni nazioni e territori attorno al Mediterraneo sono stati teatro di numerosi e straordinari movimenti di protesta e di lotta. Con un vero e proprio effetto di contagio, nonostante l'eterogeneità dei paesi protagonisti, questi movimenti hanno rivelato di condividere modalità e aspirazioni comuni. Animati dallo slogan tunisino "Pane, libertà e giustizia sociale", i cittadini di diversi paesi hanno conquistato le piazze per riappropriarsi dei beni comuni, degli spazi pubblici, di quei diritti civili e sociali troppo spesso violati. Tutto questo all'insegna dell'affermazione, del rispetto e della dignità quali punti fondamentali di una società più equa e inclusiva.

Nonostante questa straordinaria mobilitazione di massa e la forza che ne è derivata, è crescente in questi paesi la frustrazione per l'incapacità delle strutture classiche della democrazia formale di rispondere alle domande di quella che è stata una nuova Primavera mediterranea, nell'intento sovente di reprimere questi movimenti con la propaganda o la forza.

Se in paesi così diversi tra loro gli slogan e le aspirazioni sono stati gli stessi, ed erano alimentati da un'energia comune che attraversava le frontiere e accumunava le diversità culturali e religiose, ciò che manca oggi è uno spazio di confronto, scambio, produzione di cultura e strategie comuni. Un luogo ed un momento dove possa formarsi un attivismo cittadino transnazionale critico e responsabile, che si rigeneri anche attraverso la cultura e l'espressione artistica attorno a temi quali la cittadinanza e l'appartenenza a comunità che condividono una storia ed una geografia comuni, stili di vita e valori simili, dunque un destino comune: quello del Mediterraneo come culla delle civiltà tra Oriente e Occidente.

L'Italia potrebbe avere un ruolo chiave in questo processo per una cittadinanza attiva transmediterranea. La Sicilia in particolare, con la sua storia di migrazioni e contaminazioni culturali, è uno scenario ideale per poter dare possibilità a tutti quegli attivisti, intellettuali, artisti e pensatori di affrontare problematiche comuni, stimolare il dibattito, pensare strategicamente e produrre cultura. Proprio per questo nasce SABIRMaydan , nella cornice del Festival di letteratura mediterranea SabirFest a Messina.

Territorio di frontiera, come un ponte tra due mondi, SABIR Maydan può essere una sorta di Agorà in cui preparare il Mediterraneo di domani attraverso i dialoghi che affronteranno temi urgenti e pressanti interrogativi. Eccone alcuni.

La Piazza mediterranea dopo le rivoluzioni: ci può rendere ancora liberi? Gli spazi pubblici di molte grandi città sono stati i luoghi-simbolo delle rivoluzioni arabe e dei movimenti europei di indignazione. La Piazza, il Foro sono ancora i luoghi della produzione di idee di progresso e della legittimazione democratica? La funzione della Piazza è quella di contrapporsi o di dialogare con le istituzioni? Vi è spazio per la democrazia diretta? Vi è futuro per un riscatto civile che ricongiunga città e campagne attorno al Mediterraneo?

E ancora. Né in nome di Dio, né dello Stato: potrà una solidarietà transmediterranea salvarci da nazionalismi e fondamentalismi? Ci giunge l’immagine di popoli che si dividono in nome di Dio e di regimi che dividono le comunità in nome di Dio. Vi è però un’aspirazione alla giustizia sociale che accomuna comunità diverse. Può dunque la giustizia sociale, un neo-umanesimo avvicinare i popoli del Mediterraneo al di là della contrapposizione tra secolarismo e religione? Può una nuova Pietas aiutarci a distinguere in seno all’Islam politico e disinnescare la manipolazione identitaria praticata da regimi e forze politiche sulle due sponde?

E come è possibile combinare impegno civile e denuncia del capitalismo selvaggio tra Nord e Sud del Mediterraneo? Come è possibile ritrovare la dignità nel lavoro e dare futuro ai giovani? Cittadinanza mediterranea: è possibile costruire un movimento dal basso per un Mediterraneo Spazio Comune?

Quando pensiamo al Mediterraneo, pensiamo a categorie come una storia e un patrimonio artistico comuni, uno stile di vita, valori come socialità, ospitalità e contaminazione culturale o senso del sacro. È sufficiente questo per immaginare una nuova cultura della cittadinanza? Come possono cittadini e società preparare la strada a un destino comune alle due rive? Pensare la cittadinanza attiva in chiave mediterranea: come imparare dagli altri, fare cultura e scambiarsi gli strumenti per il cambiamento sociale. SABIRMaydan cercherà delle risposte attraverso esperti, intellettuali, artisti.


Informazioni utili

orari di ingresso a Sabirfest
da giovedì 25 a domenica 28:
ore 10:00-23:00
orari di ingresso a Sabirlibri
giovedì 25 e venerdì 26:
ore 10:00-13.00; ore 16:00-21:00
sabato 27 e domenica 28:
ore 10:00-23:00
orari di ingresso a SabirsuQ
da giovedì 25 a domenica 28:
ore 10:00-23:00
per alcuni incontri è previsto un biglietto e/o una
soluzione di abbonamento:
€ biglietto | degustazione € 10,00
€ biglietto | degustazione € 5,00
acquisto dei biglietti per due incontri consecutivi
€ 12,00
€ biglietto € 3,00


SABIRMaydan, dialoghi intorno alla cittadinanza mediterranea | SabirFest, casa editrice Mesogea, COSPE, SABIRMaydan

 


 

segui il SabirFest – Vivere il Mediterraneo:

 SABIRMaydan, dialoghi intorno alla cittadinanza mediterranea | SabirFest, casa editrice Mesogea, COSPE, SABIRMaydan