Al Prix Italia il punto di vista del Sud | Prix Italia, Sondès Ben Khalifa, Mustapha Bennabi, Hevi Dilara, Khaled Soliman Al Nassiry, Mare Nostrum, Willy Jervis, Tim Robbins
Al Prix Italia il punto di vista del Sud Stampa
babelmed   

Al Prix Italia il punto di vista del Sud | Prix Italia, Sondès Ben Khalifa, Mustapha Bennabi, Hevi Dilara, Khaled Soliman Al Nassiry, Mare Nostrum, Willy Jervis, Tim Robbins

Il Prix Italia, il più antico e prestigioso concorso internazionale riservato a broadcaster radio e tv, ricco di anteprime, eventi e laboratori, dal 20 al 25 settembre a Torino, dedica la sua attenzione anche al dramma dei rifugiati nel mondo. Sabato 20, nella sede RAI di Torino, Museo della Radio e della TV (via Verdi, 16, 15h-18h) si svolge il  Laboratorio Prix Italia-Copeam-Limes :Il punto di vista del Sud: i media raccontano storie di rifugiati e profughi”. Moderatore: Lucio Caracciolo, Direttore di “Limes, rivista italiana di geopolitica”, che presenterà alcune mappe geopolitiche sulla situazione dei rifugiati nel mondo. Seguirà la presentazione e l’analisi critica di estratti di reportage, magazine, documentari, spot televisivi sul tema dei rifugiati.

Vi partecipano Sondès Ben Khalifa, giornalista RTCI-Radio Tunis Chaîne Internationale; Mustapha Bennabi, Direttore Relazioni Internazionali, TV Algerina; Hevi Dilara, regista e poetessa curda; Carmela Giglio, inviata della redazione esteri Giornale Radio RAI, Radio1; Tonio Portughese, Presidente PBS Malta; Khaled Soliman Al Nassiry, scrittore e regista siriano; Don Mussie Zerai, Agenzia Habeshia in Eritrea. Partecipa al dibattito anche Dina Naser, documentarista giordana, vincitrice della Selezione COPEAM intitolata "Refugees Stories: Glances from the South”. Premiazione presieduta da Pier Luigi Malesani, Segretario Generale COPEAM.

Nel corso della sessione presentazione da parte di Roberto Zaccaria, Presidente del CIR-Consiglio Italiano per i Rifugiati, di alcuni cortometraggi del Concorso promosso dal CIR sul tema di Mare Nostrum, dell’asilo e dei rifugiati politici. Il dramma dei profughi e rifugiati è un aspetto tra i più critici e irrisolti delle migrazioni contemporanee, generalmente poco approfondito, trattato in modo discontinuo, soprattutto nei momenti di emergenza. Qual è il punto di vista  dei media del Sud del Mediterraneo, del Medio Oriente e dell’Africa nel raccontare questa delicata questione? Esistono delle narrazioni alternative? Come e cosa raccontare: la nuda verità?

Tra i molti interessanti eventi, l’anteprima del documentario di Giovanni De Luna ed Enrico Cerasuolo “La resistenza tra scelta e martirio”. Racconta tre grandi figure della Resistenza sulle montagne del Piemonte: Emanuele Artom, ebreo, Willy Jervis, valdese, Leletta d’Isola, cattolica. Tre culture accomunate dalla lotta contro il fascismo, tre storie avvincenti e drammatiche per raccontare la Resistenza “nel suo farsi”, giorno per giorno, rastrellamento per rastrellamento, sacrificio per sacrificio. Un’altra anteprima è il documentario di Alessandro Chiappetta: “Mafia – affari sporchi in Europa”.

RAI Cultura propone in anteprima una rilettura meta-teatrale di Midsummer Night's Dream di Shakespeare: “Tim Robbins’ Dream”, basato sullo spettacolo diretto dall’attore premio Oscar Tim Robbins e interpretato dalla sua compagnia, The Actors’ Gang di Los Angeles. Autore e regista del progetto Felice Cappa.Le riprese realizzate al Teatro San Nicolò di Spoleto sono montate in alternanza alle riflessioni e al racconto dell'artista americano su Shakespeare, sull'adattamento e sull'allestimento del testo e, più in generale, sul suo trentennale lavoro teatrale svolto in parallelo all'attività cinematografica e televisiva. L'idea è quella di riproporre lo spettacolo non in forma documentaristica ma attraverso l'evocazione e lo sguardo di Tim Robbins, un grande interprete, in tutti i sensi, capace di evocare insieme i grandi temi della commedia (avventure e disavventure dell'amore; rapporto naturale/sovrannaturale; conflitto tra legge e passione; contrasto tra le generazioni) e il fascino dell'arte della performance.