Profughi tra accoglienza e controllo: una relazione difficile | immigrati, sbarchi, profughi, Caffè dei Giornalisti, Maison des Journalistes, UNHCR, Lampedusa
Profughi tra accoglienza e controllo: una relazione difficile Stampa
babelmed   

Profughi tra accoglienza e controllo: una relazione difficile | immigrati, sbarchi, profughi, Caffè dei Giornalisti, Maison des Journalistes, UNHCR, LampedusaMentre continuano i drammatici e numerosi sbarchi di immigrati dall’Africa, con un crescente numero di morti nel Mediterraneo, è importante capire le linee politiche dell’Europa e dell’Italia nell’affrontare questa emergenza attraverso le analisi di rappresentanti di istituzioni, associazioni ed esperti. L’occasione lunedì 20 aprile al Campus universitario di Torino Luigi Einaudi (sala lauree blu) alle 15: è organizzato un incontro aperto sul tema dei profughi e della difesa delle frontiere, una relazione difficile tra accoglienza e controllo.

Intervengono: Carlotta Sami portavoce UNHCR del sud Europa a riportare la sua esperienza di prima linea; Valerio Cataldi (giornalista del Tg2 e membro del Comitato 3 ottobre, l’associazione nata recentemente: si rifà alla data simbolica della “memoria e dell’accoglienza”) che ha realizzato numerosi documentari e parlerà del significato dell'associazione e del suo impegno come video documentarista; Rosita Ferrato, presidente del Caffè dei Giornalisti riporterà l'esperienza della collaborazione con la Maison des Journalistes di Parigi nei confronti dei giornalisti esuli; Ferruccio Pastore, dell’Istituto FIERI, parlerà delle linee politiche dell'Europa in materia di accoglienza.


Le docenti Tiziana Caponio e Marinella Belluati del Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino analizzeranno invece il fenomeno dal punto di vista delle policy e della rappresentazione. In particolare Tiziana Caponio approfondirà le politiche di accoglienza e la sua dimensione multilivello mentre Marinella Belluati parlerà dell’Associazione carta di Roma, con cui collabora da tempo con ricerche sull’informazione in merito agli immigrati, nonché del secondo rapporto dedicato a Lampedusa.