Festival au désert laboratorio nomade  | festival au désert, laboratorio musicale interculturale, comunità di immigrati, Firenze
Festival au désert laboratorio nomade Stampa
babelmed   

Festival au désert laboratorio nomade  | festival au désert, laboratorio musicale interculturale, comunità di immigrati, FirenzeIl festival au désert laboratorio nomade è un progetto incentrato sull’incontro tra culture sotto forma di laboratorio musicale interculturale che coinvolge le comunità di immigrati.
Oltre ai concerti, in programma anche attività di avvicinamento e conoscenza tra comunità diverse, attraverso letture, installazioni, proiezioni, incontri.


 


PROGRAMMA

11 MAGGIO | PALAZZINA EX FABBRI, PIAZZALE DELLE CASCINE
ore 17.00 UGUALI, DIVERSI, NORMALI. STEREOTIPI, RAPPRESENTAZIONI E
CONTRONARRATIVE DEL MONDO ROM IN ITALIA, SPAGNA E ROMANIA
Incontro con MARTINA GIUFFRÈ e MARINELA CONSTANTIN, ANTONIO FANELLI,
PIETRO CLEMENTE

12 - 14 MAGGIO | PALAZZINA EX FABBRI, PIAZZALE DELLE CASCINE
ore 17.00 WORKSHOP MULTICULTURALI RIVOLTI A GIOVANI MUSICISTI DI SECONDA
GENERAZIONE E A STUDENTI DI MUSICA ATTRAVERSO MASTERCLASS CURATE DAI
MUSICISTI OSPITATI AL FESTIVAL AU DÉSERT
gratuiti su prenotazione a comunicazione@fabbricaeuropa.net entro il 10
maggio
MARZOUK MEJRI (Tunisia): Marzouk suona numerosi strumenti della
tradizione tunisina a cui sa avvicinare anche le persone meno esperte
con un metodo coinvolgente e semplice;
ZIAD TRABELSI (Tunisia), FABRIZIO CARDOZA, colascioneIl cantante e
musicista dell’Orchestra di Piazza Vittorio presenta un percorso
raccontato e suonato che unisce Medio Oriente e Occidente attraverso la
musica.

13 MAGGIO | PALAZZINA EX FABBRI, PIAZZALE DELLE CASCINE
ore 17.30 VOCI IN VIAGGIO PRESENTAZIONE DEI LABORATORI DIDATTICI DIRETTI
DA BADARA SECK
BADARA SECK, cantante e griot senegalese, presenta “Voci in
viaggio”, laboratorio didattico per i ragazzi delle scuole, teso ad
avvicinare alle diversità culturali attraverso incontri periodici,
contro gli stereotipi e i razzismi. Un modo per lavorare sul futuro
della società e sull’immaginario, facendo emergere dai canti
tradizionali la ricchezza di culture che troppo spesso vengono relegate
a meri stereotipi.
Con il coinvolgimento del Coro dei tre Istituti Comprensivi di
Scandicci, della Scuola secondaria di primo di primo grado “L.
Mazzanti” di Firenze.

13-14-15 MAGGIO | STAZIONE LEOPOLDA
dalle ore 19.00 MADRELINGUA INSTALLAZIONE SONORA DI SAVERIO LANZA
Installazione sonora di SAVERIO LANZA con le ninnenanne cantate da madri
immigrate in Italia, provenienti da Eritrea, Madagascar, Iran, Romania,
Giordania, Libano, India, Albania, e orchestrate dal musicista noto per
essere autore e arrangiatore di Irene Grandi e Cristina Donà, nella
visione di un’accoglienza rappresentata simbolicamente dalla musica.

14 MAGGIO | PALAZZINA EX FABBRI, PIAZZALE DELLE CASCINE
dalle ore 11.00 MEETING YOUNG ARAB CHOREOGRAPHERS
PER LO SVILUPPO DI UNA PIATTAFORMA DI SCAMBIO DI ARTISTI DELL’AREA
MEDITERRANEA INCONTRO
Incontro con OMAR RAJEH – coreografo e direttore artistico del
Festival BIPOD – Beirut International Platform of Dance, MIA HABIS –
direttrice artistica di Moultaqa Leymoun – Arab Dance Platform,
DONATELLA FERRANTE – MIBACT, ILARIA FABBRI – Assessorato alla
Cultura della Regione Toscana, TOMMASO SACCHI – Assessorato alla
Cultura Comune di Firenze, GERARDA VENTURA – Anghiari Dance Hub, e per
la NID Platform NATALIA CASORATI, Interplay e GEMMA DI TULLIO, Teatro
Pubblico Pugliese.

14 MAGGIO | STAZIONE LEOPOLDA
ore 20.00 PRESENTAZIONE LIU'UD
ZIAD TRABELSI, oud (Tunisia), FABRIZIO CARDOZA (colascione e viola da
gamba), FRANCESCO TOMASI (liuto, tiorba, chitarra medievale), SIMONE
PULVANO (percussioni)
L’incontro tra due strumenti cugini: l’ud – uno tra i più
affascinanti strumenti della musica araba, che verrà suonato dal
cantante e musicista dell’Orchestra di Piazza Vittorio – e il liuto
(in questo caso ben rappresentato dal colascione) – simbolo della
cultura rinascimentale. Una produzione Fabbrica Europa

ore 23.00 BOMBINO IN CONCERTO

15 MAGGIO | STAZIONE LEOPOLDA
ore 18.30 DA ALI FARKA TOURÉ A TIMBUKTU
Incontro con MARCO AIME, VIEUX FARKA TOURÉ, coordina Marta Amico

ore 19.00 APERITIVO MUSICALE DISCO COUS COUS
realizzato dal musicista e cuoco MARZOUK MEJRI (referente presidio Slow
Food di Tunisi) in collaborazione con La Scena Muta

a seguire DJ-SET a cura di SEAN MARTINS

ore 20.00 PROIEZIONE ALI FARKA TOURÉ. LE MIEL N'EST JAMAIS BON DANS UNE
SEULE BOUCHE un film di MARC HURAUX

ore 21.30 VIEUX FARKA TOURÉ IN CONCERTO

a seguire FANFARA STATION, MARZOUK MEJRI, CHARLES FERRIS, GHIACCIOLI E
BRANZINI

12 – 16 LUGLIO | LE MURATE. PROGETTI ARTE CONTEMPORANEA
LABORATORIO NOMADE


Nell'ambito del progetto MigrArti promosso dal MIBACT
e dell'Estate Fiorentina 2016 / Comune di Firenze

Festival au désert laboratorio nomade  | festival au désert, laboratorio musicale interculturale, comunità di immigrati, Firenze
INFO
tel. 055 2638480
www.fabbricaeuropa.net [1]
WWW.FESTIVALPRESENZEDAFRICA.EU [2]

Fondazione Fabbrica Europa
Borgo degli Albizi 15
I - 50122 Firenze
tel. +39 055 2638480
promozione@ffeac.org