CEREALIA, la Festa dei Cereali. Cerere e il Mediterraneo | Cerealia, antica Roma, Paola Sarcina, Letizia Staccioli, Vesta
CEREALIA, la Festa dei Cereali. Cerere e il Mediterraneo Stampa
babelmed   

Il festival, alla sesta edizione, è all’insegna del pluralismo culturale. Oggi anno gemellaggio con un paese diverso: dopo Egitto, Turchia, Grecia, Cipro, Croazia, quest’anno tocca al Marocco. Si svolge dal 9 al 12 giugno sul tema “da cibo dei popoli a condivisione della tavola¨.

 


 

CEREALIA, la Festa dei Cereali. Cerere e il Mediterraneo | Cerealia, antica Roma, Paola Sarcina, Letizia Staccioli, VestaCerealia è un festival dedicato a tutti i cereali come avveniva nell’antica Roma nei riti delle Vestali e nei Ludi di Cerere. Questi antichi rituali, rievocati in forma scenica, costituiscono l'elemento "romano" che caratterizza la festa. Il collegamento con il Mediterraneo - da cui il sottotitolo Cerere e il Mediterraneo - dà inoltre alla manifestazione un respiro internazionale, valorizzando lo scambio e l’arricchimento interculturale nel gemellaggio che avviene ogni anno con un paese diverso: 2011 Egitto, 2012 Turchia, 2013 Grecia, 2014 Cipro, 2015 Croazia. Il Marocco sarà il paese scelto per il 2016.

Il Mediterraneo è stato ed è ancora oggi il punto d¡ incontro di una miriade di società, appartenenti a sistemi culturali parzialmente connessi ed altrettanto sostanzialmente diversi. Il pluralismo culturale rappresenta, sin da tempi remoti, una caratteristica persistente del bacino del Mediterraneo. Cerealia vuole essere cosi una occasione d interscambio culturale a vari livelli, affrontando tematiche quali l’alimentazione, l’ambiente, l’economia, la dimensione sociale, nel variegato contesto passato e attuale che caratterizza il mondo dei cereali.

Sappiamo quanto sia rilevante il valore sociale ed economico dei cereali, non solo per il ruolo che questi occupano nella piramide alimentare umana. Cerealia vuole diffondere, quindi, la conoscenza e coscienza del valore della terra e delle culture autoctone, riallacciare i legami tra il territorio di produzione e la tavola dei consumatori, riportare in vita anche usi e costumi antichi, fondati sul rispetto della terra e dei suoi frutti.

Il festival, che ruota sul tema “da cibo dei popoli a condivisione della tavola”, intende inoltre stimolare alla condivisione delle sfide comuni a livello multi-regionale tra i popoli che si affacciano sul mare nostrum, superando le posizioni eurocentriche, nell’ottica della diffusione della ”co-evoluzione economica di economie diverse¡¨ (A. Romagnoli), a favore del potenziamento delle società, nel rispetto e salvaguardia dell’ecosistema mediterraneo.

-

LA STRUTTURA DEL FESTIVAL

Cerealia, un progetto ideato da Paola Sarcina e Letizia Staccioli, è una Festa a cadenza annuale, a carattere internazionale e diffusione nazionale, che si svolge in 4 giorni nel mese di giugno includendo sempre il 9 giugno (data dei riti di Vesta e festa dei pistores (i fornai romani). Alcune attività possono seguire o anticipare la festa, concentrandosi ad esempio nelle date dei Ludi di Cerere (12 - 19 aprile).

Le tematiche cardine della manifestazione sono: cultura, società, economia, alimentazione e gastronomia, ambiente, territorio e paesaggio, turismo. Cerealia, che sostiene la Carta di Milano sull’alimentazione e la nutrizione, si avvale di un comitato scientifico a cui partecipano personalità del mondo della cultura, ricerca, comunicazione, economia, alimentazione. Impegno degli organizzatori e inoltre quello di realizzare un evento sostenibile e a basso impatto ambientale.

 

Per il programma e il calendario di attività visitate il sito www.cerealialudi.org

 


 31/05/2016