Zizzanie. Agenda letteraria 2017  | Costanza Ferrini, Elizabeth Grech, Francesca Koch, Mariangela Mincione, Amalia Signorelli, Marta Fontana, Annalisa Comes, agenda letteraria​
Zizzanie. Agenda letteraria 2017 Stampa
babelmed   

Venerdì 7 ottobre alle ore 18,30

Studio dell'artista Jaber e sede dell'Associazione Babel-Irak 

via Giolitti 141, Roma

 

Lunedì 10 ottobre ore 17.30 

Casa Internazionale delle donne

via della Lungara 19, Roma

 

 


 

Presentazione 

Zizzanie. Agenda letteraria 2017  | Costanza Ferrini, Elizabeth Grech, Francesca Koch, Mariangela Mincione, Amalia Signorelli, Marta Fontana, Annalisa Comes, agenda letteraria​


 

Intervengono con la curatrice, Francesca Koch Presidente Casa Internazionale delle donne, Mariangela Mincione editore, Amalia Signorelli antropologa e le autrici Marta Fontana e Annalisa Comes

Un’agenda letteraria, dove ogni mese è introdotto da una narrazione in versi o in prosa in lingua originale, tradotta in italiano, accompagnata da un dipinto. Le zizzanie, come emblema delle erbe selvatiche che crescono inaspettate e spuntano, nel calendario anche lunare. L'agenda si apre con Etel Adnan, artista e poetessa  tradotta in tutto il mondo. Seguono l'artista Marta Fontana, la fotografa Rosi GiuaCostanza Ferrini, la piccola Lilia Parizot ClericoElizabeth Grech che inaugura qui i suoi versi, Gaia Zaccagni poetessa pittrice e bizantinista, Annalisa Comes poetessa allieva di Amelia Rosselli, Choman Hardi, poetessa curda irachena in esilio in Gran Bretagna, Maria Pace Chiavari fotografa italiana in Brasile, Adania Shibli una delle voci più interessanti della narrativa palestinese, Cristina Viti poetessa e traduttrice, Hanan al- Shaykh una delle ladies della narrativa libanese che vive a Londra, Najah Taher pittrice e illustratrice libanese. I diritti del libro sono interamente devoluti a due progetti di scolarizzazione nel Kurdistan iracheno e nei campi profughi in Libano sostenuti dalla ONG Un ponte per.  

"Le scansioni della terra seguono le lune nuove e un gruppo di donne invita a una riflessione urgente e lenta sulla terra. Terra come parte di sé, frutto da raccogliere, l'erba cresce diversamente dalle parole che la terra trovi riparo/ alla terra , terra che in granelli confina con altri elementi, una mappa in cui le terre sono divise dalle ombre di alberi, terra che si lamenta nel canto delle donne: il grido di tenerezza e di tristezza che la terra da cui siete nate ha troppo ascoltato..." (Costanza Ferrini)

Costanza Ferrini di formazione filosofica, si è occupata per anni , come ricercatrice, editor, talent scout e traduttrice di letteratura e cultura contemporanea del mediterraneo, a cui ha  aggiunto la coltura dell'olivo, producendo olio biologico e fondando,  insieme ad un gruppo di riflessione internazionale, l'associazione All'ombra del mediterraneo. Oggi all'inchiostro e all'olio si sono aggiunti i colori ad olio, l'argilla, la carta, i pastelli.