Agosto ’44, La notte dei ponti | Paola Bertolone
Agosto ’44, La notte dei ponti Stampa
Paola Bertolone   
Uno spettacolo sul valore assoluto dell’arte. Anzi uno spettacolo sulla guerra e sulla Resistenza. No, piuttosto uno spettacolo sulla dimensione affettiva del vernacolo e della sua gestualità. O invece un tipico esempio di ‘teatro di narrazione’, teatro didattico e engagé. Forse ecco……Lo spettacolo di Firenze e del suo miracolo architettonico. Uno spettacolo sulla relazione intima degli italiani con l’arte.
Agosto ’44, La notte dei ponti | Paola Bertolone
Ugo Chiti (foto Massimo Fossati)
Ci sono tanti spettacoli in Agosto ’44 La notte dei ponti di Ugo Chiti (con Massimo Salvianti), che cura anche l’ideazione dello spazio e della regia, mentre i costumi sono di Giuliana Colzi, anche attrice e le luci di Marco Messeri. Agosto ’44 La notte dei ponti ha appena concluso le poche repliche al Teatro India di Roma ed era stato preceduto da un altro spettacolo con testo e regia di Ugo Chiti, Racconti solo racconti. In entrambi recitano gli attori di Arca Azzurra , la compagnia toscana con una storia ultraventennale diretta dallo scrittore, che è anche regista e premiato sceneggiatore cinematografico: Andrea Costagli, Dimitri Frosali, Massimo Salvianti e le bravissime Lucia Socci e Giulana Colzi.
Con loro attraversiamo vie, borghi, piazze e ponti di Firenze, entriamo negli scantinati-rifugio, saliamo scale di case silenziose e attonite, sentiamo l’odore della polvere e della paura, con loro patiamo la sete quando l‘acqua era razionata, attraverso i loro occhi guardiamo una città stravolta dalla tragedia della devastazione, quasi inciampiamo nei cadaveri di chi, casualmente, si era preso una pallottola, con loro assistiamo a una nascita intempestiva, vediamo carrozzine senza neonati e motociclette impazzite perché prive di conducente. Nei giorni appesantiti da una canicola soffocante dell’agosto del 1944, Firenze, città libera, viene parzialmente distrutta dai tedeschi (ricordiamo via Por Santa Maria, lungarno Acciaioli, borgo San Jacopo, via dei Bardi, via Guicciardini). che non vogliono ripetere quanto successo a Roma e cercano di ostacolare un facile accesso in città agli alleati alle porte, costruendo una linea difensiva sugli argini dell’Arno. Quando in una notte saltarono quasi tutti i magnifici ponti di Firenze, insieme a interi caseggiati medievali e rinascimentali, ‘la Gina’ vagava con la sua borsa della spesa in cerca disperata di candele per illuminare il buio che la terrorizzava quasi più della guerra. Le troverà le sue candele e gliele darà Giovanna, un’amica d’infanzia sperduta, dopo una lunga giornata fatta di incontri, di paure terribili e di inevitabile, comica umanità in preda alla fame, ai litigi familiari, alle ossessioni, alle coliche, al sesso anche in piena occupazione tedesca, anche quando gli americani buttano volantini dal cielo per avvertire la popolazione di sgomberare le strade e si profila, infine, la possibilità di uno scontro dentro la città. Accanto alle due donne, in scena entrano e escono i responsabili di Firenze, qualche partigiano, i comandanti tedeschi, il console che tentò di impedire con tutte le sue forze di ‘far brillare’ il ponte di Santa Trinita. Entrano, escono e leggono spesso dal leggio pagine di recenti libri di storia che hanno ricostruito con fonti e documenti quanto è esattamente avvenuto in quell’agosto del ’44, leggono anche emozionanti brani dai diari di capi partigiani e di vari esponenti politici. Ma è il racconto dell’esplosione difficilissima del delicato e forte e perfetto ponte di Santa Trinita e fare da climax allo spettacolo. Gli attori appoggiati ai leggii dicono dei tre tentativi tedeschi per farlo saltare, di come lo avevano impacchettato di dinamite, ma di come quello resisteva perché l’avevano costruito troppo bene gli architetti del Rinascimento e lui non cedeva.

Agosto ’44, La notte dei ponti | Paola BertoloneDicono anche del sacrificio di alcuni partigiani che provano a tagliare i fili e vengono centrati dalle pallottole e si devono infine ritirare, dicono del dolore dei cittadini di Firenze che si domandano se almeno il David, almeno Santa Croce, Palazzo Vecchio, quelli no, non siano stati distrutti.
Alle spalle degli attori, su quinte-screens allineate in modo obliquo, sono proiettati dei filmati d’epoca e delle immagini fotografiche delle esplosioni dei ponti: color seppia o bianco e nero sbiadito, come quasi sbiadita è la memoria di giornate fatali per l’Italia che le attuali disposizioni governative in termini di politica culturale vogliono cancellare, dal momento che, com’è noto, di Resistenza non si parlerà più nei libri scolastici italiani. Quella Resistenza che, e cito le parole finali dello spettacolo, ci ha permesso di guardare in faccia gli alleati senza vergogna.
Quindi, uno spettacolo didattico nel senso alto del termine, ma concepito col sorriso, con la tenerezza di chi accoglie tutte le fragilità.

Paola Bertolone
(29/05/2010)

parole-chiave: