Flamencomania | Jerez de la Frontera, Fiesta de la Buleria, Lole Montoya, Remedios Amaya, Loli Carpio, R.O.M. Rights of Minorities.
Flamencomania Stampa
babelmed   

Flamencomania | Jerez de la Frontera, Fiesta de la Buleria, Lole Montoya, Remedios Amaya, Loli Carpio, R.O.M. Rights of Minorities.La febbre flamenca in Spagna si cura nel sud del Paese, in Andalusia, dove tra si svolgono i festival dedicati a questa arte antica, composta da musica e danza. Uno degli appuntamenti più importanti è la “Fiesta de la Buleria” di Jerez de la Frontera.

Secondo molti esperti è in questa città a 35 chilometri da Cadice che il flamenco trova la sua migliore espressione tanto che ogni anno richiama da tutto il mondo artisti di oltre 30 nazionalità. Il festival che quest'anno è arrivato alla sua quarantottesima edizione, si è svolto nella suggestiva corte sotto le stelle denominata Patio di San Fernando del Alcàzar. Si tratta dell’edificio più antico della città nato come residenza del califfo di Siviglia, una fortezza che risale al XI secolo e ospita al suo interno la Porta della Città, la Moschea, la Corte d’Armi e il Palazzo di Villavicencio. In questa cornice chi ha perso l'occasione di partecipare dal vivo al festival può ora rivivere una delle sue serate più emozionati grazie a una registrazione pubblicata dal sito Flamencomania:

VIDEO: http://flamenco.masjerez.com/flamenco/2015/09/06/1441535466.html

Quattro ore e mezza di viaggio nel ritmo della “bulerias”, uno dei generi da cui è formato il flamenco, dove il “cante” è composto da tre o quattro versi. Sul palco si sono alternate “cantaoras” come Lole Montoya e Remedios Amaya insieme alla ballerina Loli Carpio.

 


28/09/2015