“Away from home” | Away from home, Kursat Bayhan, migranti, Istanbul, Eminönu, Küçükpazar, migrazione interna, Anatolia, Marshalla News
“Away from home” Stampa
Kursat Bayhan   

“Away from home” | Away from home, Kursat Bayhan, migranti, Istanbul, Eminönu, Küçükpazar, migrazione interna, Anatolia, Marshalla NewsLa migrazione dalle zone rurali verso le aree urbane della Turchia, e dalle parti orientali a quelle occidentali, ha cominciato a diffondersi nei primi anni Ottanta. L’industrializzazione ha escluso i giovani agricoltori dal ciclo produttivo e la gente ha cominciato a spostarsi nei centri urbani per cercare nuove fonti di reddito. Il fenomeno continua ancora oggi: ogni anno, migliaia di persone si lasciano alle spalle le proprie case in villaggi fantasma per trasferirsi a Istanbul, Ankara e altre metropoli.

 

A questo spostamento, negli anni Novanta si è aggiunta la migrazione forzata legata al conflitto tra il governo turco e il PKK, che ha cambiato profondamente la struttura sociale delle principali città del Paese. Due milioni e mezzo di persone provenienti da quasi 4mila villaggi dell’Anatolia orientale e sudorientale sono emigrate a ovest, causando molti morti e l’impoverimento sia delle città che delle campagne.

“Away from home” | Away from home, Kursat Bayhan, migranti, Istanbul, Eminönu, Küçükpazar, migrazione interna, Anatolia, Marshalla News

“Circa cinque anni fa, ho cominciato a documentare le condizioni di vita degli abitanti di Eminönu e Küçükpazar, due zone di Istanbul”, racconta il fotografo Kursat Bayhan. “Il progetto Away From Home racconta la storia di un gruppo di migranti interni che abitano proprio in queste aree.

“Away from home” | Away from home, Kursat Bayhan, migranti, Istanbul, Eminönu, Küçükpazar, migrazione interna, Anatolia, Marshalla News

Molti fanno lavoretti giornalieri, perché non hanno un livello di istruzione superiore. Raccogliere spazzatura e vendere rottami sono occupazioni comuni, che garantiscono circa 200 dollari al mese. Circa un quarto dell’incasso viene speso per pagare l’affitto; gran parte dei pochi soldi rimasti viene mandata ai famigliari, che vivono in campagna. Quasi tutte le case a Istanbul hanno solo una stanza, elettricità e acqua limitate, e sono condivise da circa dieci persone. Solo pochi fortunati sono in grado di guadagnare abbastanza per portare le proprie famiglie a vivere con loro in città”.

“Away from home” | Away from home, Kursat Bayhan, migranti, Istanbul, Eminönu, Küçükpazar, migrazione interna, Anatolia, Marshalla News


 

Kursat Bayhan