Da Genova a Ellis Island

 

Da Genova a Ellis IslandDa venerdì 20 giugno è iniziata, al Galata Museo del Mare , una mostra permanente che è un viaggio a tu per tu con il passato. La Merica! Da Genova a Ellis Island. Il viaggio per mare ai tempi dell'emigrazione italiana è un racconto attraverso le immagini, i documenti e soprattutto l’interattività.
All’entrata i visitatori ricevono un passaporto, del tutto simile a quello usato dai migranti a fine Ottocento, e un biglietto di viaggio. Si parte dalla Sala del Piroscafo e si fa subito un incontro virtuale: su un grande schermo c’è un giovane bigliettaio a cui presentare il proprio passaporto. Sarà lui a rivelare la nuova identità di migrante che accompagnerà il visitatore per tutto il percorso espositivo.

Ma arriva il momento dell’imbarco. Ed ecco la nave: si chiama Città di Torino ed è una ricostruzione piuttosto fedele dell’imbarcazione originale, che accompagnò tanti italiani nelle Americhe. Gli emigranti finiscono nella stiva, dove li attende un dormitorio tutt’altro che confortevole. I visitatori potranno scegliere la loro cuccetta: basterà sedersi su uno dei poveri materassi per ascoltare i racconti di chi quel viaggio lo fece davvero.
Mentre si passa per gli ambulatori e le cabine di seconda classe, dagli oblò si scorge un realistico mare virtuale.
Infine lo sbarco. L’ispezione e le visite mediche sono inevitabili. Il visitatore si trova di fronte ad uno schermo: le domande che gli verranno poste sono le stesse a cui dovettero rispondere i nostri nonni. C’è chi è ammesso in America e chi no.

A fine percorso resta è un’emozione intensa. «Prima l’attesa al porto di Genova, poi il viaggio vero e infine l’arrivo ad Ellis Island: questa è una mostra dinamica e permette ai genovesi di riflettere sulla cattiva accoglienza che spesso viene riservata agli immigrati di oggi», spiega Maria Paola Profumo, Presidente del MuMA Istituzione Musei del Mare e della Navigazione, «per il Galata questo è il secondo step di un progetto che ha come tema il viaggio e il rapporto tra l’uomo e il mare. La terza iniziativa sarà inaugurata nel 2009».
Ottimo il lavoro del curatore Pierangelo Campodonico: «questa è una mostra fatta di persone e delle loro storie personali. Indispensabile è stata la collaborazione con il Museo dell’immigrazione di Ellis Island, che ci ha fornito spunti, materiali e documenti importanti». Tra i progetti del Galata c’è quello di creare il primo museo dell’emigrazione.

 


 

La Merica! Da Genova a Ellis Island. Il viaggio per mare negli anni dell'emigrazione italiana
Dal 20 giugno 2008 - mostra permanente
La mostra è compresa nel biglietto d'ingresso al Museo negli orari di apertura del Galata Museo del Mare
Da novembre a febbraio
martedì - venerdì 10/18
sabato, domenica e festivi - 10/19.30
Da marzo a ottobre
martedì - domenica 10/19.30
Per tutto l'anno, lunedì chiuso per individuali ma aperto per scuole e gruppi. Per il solo mese di agosto, lunedì aperto per tutti.

 


 

info:
010 2345655
info@galatamuseodelmare.it
www.galatamuseodelmare.it

 



Articolo di Francesca Baroncelli ripreso da www.mentelocale.it
quotidiano online di cultura e tempo libero in Liguria

Related Posts

Bari apre una breccia italo-rom

11/11/2009

Bari apre una breccia italo-romIl campo rom di Bari-Japigia riapre le porte a cittadini di ogni colore, origine e grado sociale tra balli, musiche, canti e piatti tipici della tradizione popolare romanì per la 2° edizione di “IO STO CON I ROM”, festa organizzata dalla cooperativa rom Artezian e l’associazione barese no-profit Vox Popoli.

Sicilia Poetry Bike

22/07/2009

Sicilia Poetry BikeSicilia (cultura e ciclismo) dal primo al 7 agosto riparte il Sicilia Poetry Bike, percorso circolare in bicicletta da Messina a Taormina e ritorno ricco di momenti di aggregazione poetica ed eventi culturali.

Il mondo in una piazza: diario di un anno tra 55 etnie

18/05/2009

Il mondo in una piazza: diario di un anno tra 55 etnie365 giorni vissuti “pericolosamente” nel cuore del Balôn di Torino, in un quartiere che ospita nel suo mercato 100.000 persone al giorno, ma che la sera diventa zona off limits.