Ibn Khaldûn e Machiavelli

 

Ibn Khaldûn e MachiavelliEuropa,Mondo musulmano:
lezioni per il XXI secolo


Ibn Khaldûn e Machiavelli

18⁄19 maggio 2009
Ambasciata di Francia in Italia Villa Medici, Accademia di Francia
Roma

Ibn Khaldûn e Machiavelli, pensatori della crisi e del declino, hanno meditato sulle stesse questioni: come nascono le forme del potere dalla società, s'impongono a essa, perdurano o declinano? Entrambi hanno dunque privilegiato lo studio del processo storico e sociale, analizzato dei tratti che sono i punti di focalizzazione delle identità europea e islamica, persino oggetto di malintesi tra loro: l'autonomia della politica rispetto alla religione, la dialettica tra virtù individuale e ragione collettiva, e ovviamente, la violenza e i suoi diversi usi che segnano la reciproca percezione del mondo musulmano e di quello occidentale. La loro attualità risiede anche nella novità dei loro linguaggi, vivaci e razionali, lezioni di realismo e di stile, nel contempo sorprendentemente classici e moderni. In quale misura le lingue oggi in uso in Europa e nel mondo arabo-musulmano avvicinano o allontano le due rive? Quale approccio di "geopolitica culturale" ci permetterà di meglio identificare i punti deboli di una comune identità mediterranea? Nel tempo dell'ibridazione culturale, delle società in rete, della coesistenza dei messianismi e dei linguaggi della tecnoscienza, attraverso quali linguaggi condivisi le comunità umane determinano il loro avvenire?


Le opere di Ibn Khaldûn (Tunisi, 1332 - Il Cairo, 1406) e Machiavelli (Firenze, 1469-1527) appaiono in un momento in cui l’Europa e il mondo dell'Islam cessano di vivere il loro destino in maniera autonoma e si aprono a nuovi orizzonti. Una comparazione rigorosa ci aiuterà a commisurare le differenze maturate nel corso dei secoli tra le due rive del Mediterraneo e a identificare alcune prospettive e strumenti per superarle ispirandoci allo sguardo spassionato che Ibn Khaldûn e Macchiavelli hanno portato sulla realtà del loro tempo.

 



Programma:

Lunedì 18 maggio
Ore 18.30
Saluti ai partecipanti:
S.E. Jean-Marc de La Sablière,
Ambasciatore di Francia in Italia
Frédéric Mitterrand,
direttore dell’Accademia di Francia - Villa Medici
Conferenza inaugurale
«Potere e società nel Mediterraneo»
Luciano Canfora, professore all'Università di Bari
Abdesselam Cheddadi, professore all'università di Rabat
Henry Laurens, professore al Collège de France - Parigi
Presiede:
Maria Donzelli

Martedì 19 maggio
mattina
Ore 9.30
Gli orizzonti del nuovo spazio politico a partire dal XV secolo
Intervengono: Emanuele Cutinelli Rèndina, Jean-Louis Fournel
Presiede: Abdesselam Cheddadi
Dibattito

Lo Stato:, una necessità antropologica: un confronto tra Machiavelli e Ibn Khaldun?
Intervengono: Patrick Boucheron, Massimo Campanini, Claudio Lo Jacono
Presiede: Francesca Izzo
Dibattito

La modernità tra Europa e mondo musulmano: un malinteso storico?
Intervengono : Hichem Djaït, Henry Laurens, Luigi Mascilli Migliorini
Presiede: Giuseppe Vacca
Dibattito

pomeriggio
Ore 15.00
Logiche della violenza:
Machiavelli e Ibn Khaldûn, lezioni per oggi
Intervengono: Jean Daniel, Abdelwahab Meddeb, Olivier Mongin
Presiede: Lucio Caracciolo
Dibattito

I linguaggi nella mondializzazione:
collegamento o frammentazione tra culture?
Intervengono: Francesca Corrao, Yannick Haenel, Tahar Labib
Presiede: Khaled Fouad Allam
Dibattito

Conclusione:
Per una geopolitica della traduzione
a cura di Mohamed-Sghir Janjar e Bruno Aubert

Parteciperanno ai dibattiti, fra gli altri:
François Armanet, Emanuele Bevilacqua,
Giancarlo Bosetti, Paolo Luigi Branca, Biancamaria Bruno,
Giulio Ferroni, Renzo Guolo, Filippo La Porta,
Sebastiano Maffettone, Salah Metnani,
Pasqualina Napoletano, Marcelle Padovani,
Maria Prosperi, Jacqueline Risset

Con il patrocinio di
Ministero degli Affari Esteri
Comune di Roma – Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione
Centro di Ateneo di Studi sulle Culture del Mediterraneo - L’Orientale
Con il sostegno di
Airfrance
Fondation du Roi Abdul-Aziz - Casablanca
Comitato scientifico
Bruno Aubert
Abdessalam Cheddadi
Francesca Corrao
Maria Donzelli
Informazioni
Ambasciata di Francia:
Miranda Lupo
06 68 60 14 14
miranda.lupo@diplomatie.gouv.fr
Thérèse Tucciarelli
06 68 60 13 11
therese.tucciarelli@diplomatie.gouv.fr
Ingresso libero nel limite dei posti disponibili.
Lingue del convegno: francese e italiano

 


 

(12/05/2009)

 

Related Posts

25 aprile 2015: del fascismo travestito di razzismo

25/04/2015

partigiani 110Settant’anni fa, l’Italia si liberava del giogo nazifascista dopo un’acerrima resistenza da parte delle forze partigiane e l’intervento delle forze alleate. Fu la più grande prova di maturità civile e democratica del popolo italiano nella storia contemporanea.

Dragă mamă (“cara mamma”)

25/02/2015

draga 110Molte badanti e collaboratrici domestiche provenienti dall'Est Europa sono "mamme a distanza", costrette a lasciare a casa i propri figli, gli ‘orfani sociali’. Alcune di loro, per solitudine o senso di colpa, si ammalano di una particolare forma di depressione, la ‘Sindrome Italiana’. Reportage tra Roma e Chi?in?u

In Molise centro pilota per l’accoglienza ai migranti

25/03/2014

giuliano 110Si è passati dai soli 30 posti ai 435 posti attuali con i progetti Sprar. Diciotto Comuni ospiteranno piccoli gruppi di immigrati orientandoli nella formazione e sviluppo locale. Il villaggio post-terremoto di San Giuliano, con le sue duecento casette, potranno ospitare 500 rifugiati.