Serata in ricordo di Mama Africa

 

Serata in ricordo di Mama AfricaUna serata con musica dal vivo, performance teatrali e immagini su schermo per ricordare la grande cantante africana Miriam Makeba e sostenere il progetto “Ewere” rivolto alle donne in difficoltà in Benin City. Per l’occasione presso il Sermig di Torino si riunisce parte del cast della drammatica serata del 9 novembre a Castel Volturno, nel corso della quale Makeba ebbe il malore che la uccise. Molti i personaggi che entreranno in scena nella serata torinese: a rappresentare il continente africano per cui Makeba lottò una vita è Gabin Dabiré, globetrotter proviente dal Burkina Faso che da tempo risiede a Milano; la cantante Ranzie Mesah, nata in Ghana, ma cresciuta tra Stati Uniti e Lussemburgo, accompagnata dal Divine Group of Gospel. In cartellone anche realtà piemontesi, come la compagnia teatrale Alma Teatro e il gruppo musicale Mau Mau. I proventi dello spettacolo saranno destinati a un progetto dell’associazione Almaterra (www.almaterratorino.it) con il quale si intende costituire un centro per giovani donne a Benin City, città di provenienza di molte ragazze vittime della tratta, per scoraggiare la migrazione attraverso attività culturali, artigianali e imprenditoriali.

 


Federica Araco
(28/01/2009)

 

Related Posts

Concorso: "Seconda Generazione"

19/11/2009

Concorso: Fazi Editore indice un concorso letterario dedicato ai migranti di seconda generazione. Fino al 28 febbraio 2010 sarà possibile inviare il proprio manoscritto alla casa editrice.

Rom e sinti sfilano a Bologna contro le discriminazioni

21/05/2015

bolo rom 110Il 16 maggio si è tenuta la prima manifestazione nazionale in difesa dei diritti negati di queste comunità, vittime di un clima di crescente intolleranza nel Paese. L’evento è stato organizzato nell’anniversario della rivolta dei 6mila romanès contro gli ufficiali delle SS nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau, nel 1944.

“No al sessismo e al razzismo”

04/02/2016

colonia 110A Colonia manifestazione dopo le aggressioni alle donne dove ancora una volta l’odio si è espresso contro il corpo delle donne. Perché è sempre più chiaro che in questa originaria forma di dominio si consuma uno scontro di potere. E in Italia ancora femminicidi.