Lettera Internazionale n. 97

 

È in libreria
Numero 97 - III Trimestre 2008


Lettera Internazionale n. 97Copertina Lettera Internazionale n. 97
In copertina: Ennio Calabria, Ambiguità dell’intravisto. Pesante nell’acqua, 1994, acrilico su tela, cm 190x150. Collezione dell’Artista

Illustrazioni all'interno: Angelo Colagrossi, Alexander Jakhnagiev, Ana Maria Laurent, Minya Mikic, Franco Mulas, Marco Tamburro

In collaborazione con la Galleria della Tartaruga di Roma



Editoriale
Dove finisce l’Unione Europea
Alina Mungiu-Pippidi, La nuova Europa
Carmen Pasca, Rumeni: emigrazioni di ieri e di oggi
Defne Gürsoy, Le due Turchie. Intervista di Biancamaria Bruno
Nancy Fraser, Ripensare il riconoscimento

Donne e Società
Hannah Arendt, L’assimilazione originaria. Introduzione di Katrin Tenenbaum
Françoise Collin, Le donne e i filosofi
Chiara Saraceno, Famiglie mediterranee

Mediterranei
Sami Nair, Mediterraneo: identità e scambio
Thierry Fabre, Come accostare le sponde del Mediterraneo
Giuseppe Sacco, L'eccezione mediterranea
Iain Chambers e Lidia Curti, Il mare dei migranti
Hélène Cixous, La fuggitiva
Vincenzo Consolo, Porta Orientale
Anna Spinelli, Pirati di ieri e di oggi
Pierre Vidal-Naquet, Le due anime del Mediterraneo. Intervista di Thierry Fabre e Philippe Joutard
Roberto Alajmo, Ebrei di Sicilia
Federico García Lorca, Mediterraneo magico
Jean Giono, E i troiani presero il mare…
Jean Starobinski, Memoria di Troia

I libri e gli eventi
Recensioni a cura di Biancamaria Bruno, Andrea Filippetti, Francesco Morabito, Federico Trocini, Franco Voltaggio

 


 

 

www.letterainternazionale.it/

 

 

Related Posts

Rom e sinti sfilano a Bologna contro le discriminazioni

21/05/2015

bolo rom 110Il 16 maggio si è tenuta la prima manifestazione nazionale in difesa dei diritti negati di queste comunità, vittime di un clima di crescente intolleranza nel Paese. L’evento è stato organizzato nell’anniversario della rivolta dei 6mila romanès contro gli ufficiali delle SS nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau, nel 1944.

A Turin, il n’y a pas que des voitures

25/06/2010

A Turin,  il n’y a pas que des voituresLa ville a réussi à se réinventer après la grave crise des années quatre-vingt dix, en diversifiant son tissu socio-économique : non seulement ville industrielle, mais aussi centre culturel dynamique Le nombre croissant d’échanges culturels et économiques avec les pays de la rive sud qui met en évidence les liens de la ville avec la Méditerranée. Preuve en est le rôle important joué par la Province de Turin, dans le cadre de la présidence Saitta de l’Arc Latin.

Sulcis in fundo: l’ultima minatrice

03/03/2015

sulcis 110Capovolgendo la prospettiva, Dal profondo propone una sorta di narrazione del mito della caverna platonica al contrario. Con le sue inquadrature lente, scurissime, i suoi dialoghi rarefatti ed essenziali, la regista Valentina Pedicini descrive il “mondo sotterraneo” con tale densità simbolica e affettiva da far apparire la realtà in superficie priva di interesse, artificiale, superflua. Babelmed