Dossier Egitto

  Dopo 30 anni di governo autoritario e poliziesco, la rivoluzione egiziana del 25 gennaio è riuscita a cacciare Mubarak. Hanno vinto i giovani di piazza Tahir, quelli del social network, che con pacifica determinazione per 18 giorni consecutivi hanno saputo mobilitare milioni di egiziani, cristiani e musulmani insieme. Ma ci sono stati scontri sanguinosi, morti e feriti, vittime di mercenari e polizia segreta, mentre l'esercito si è rifiutato di colpire i dimostranti. La transizione verso la democrazia non è facile e non mancano i timori di una contro-rivoluzione da parte dei vertici del vecchio regime, sostanzialmente immutato.
 
Dossier Egitto Cairo libera tutti
Si spara di nuovo a piazza Tahrir, ma stavolta i botti non fanno paura, perché sono fuochi d'artificio. Alla fine ha vinto questa straordinaria piazza, che per 18 giorni consecutivi ha saputo mobilitare milioni di egiziani in tutto il paese.
 
Dossier Egitto Filo diretto con gli amici egiziani
Le ultime testimonianze raccolte parlano di entusiasmo e orgoglio dei giovani ma anche dei forti timori di una dura repressione e bagni di sangue
 
Dossier Egitto La rete abbatte anche Mubarak
La rivolta del popolo egiziano contro il regime di Hosni Mubarak ha ripreso simbolicamente lo slogan dei rivoltosi tunisini “Pane, Dignità e Libertà”. Come in Tunisia, la rabbia veicolata sui social network. Ma le proteste si allargano a macchia d’olio in tutto il mondo arabo.
 
   
   
   

Related Posts

Dossiers EBTICAR

12/12/2014

dossiers 110 ITA

  • Questioni di genere
  • Territori mediterranei
  • Indipendenze culturali
  • Democrazia e Lavoro

I Porti del Mediterraneo, diario di bordo di artisti e scrittori

20/08/2009

I Porti del Mediterraneo,  diario di bordo di artisti e scrittoriLe suggestioni culturali di un lungo viaggio su "Adriatica" (il cutter di Velisti per caso) Per gentile concessione di Antonella Giani, presidente dell'associazione culturale Calipso e promotrice di questa felice avventura, pubblichiamo i diari degli scrittori Roberto Alajmo, Simone Perotti, Carlo Romeo, Matteo Casali e Giuseppe Camuncoli (Cammo). Tra i tanti artisti, hanno partecipato all’iniziativa lo scrittore svedese Larsson, la fotografa Marina Alessi, le artiste Elena Ledda, Chiara Zocchi, Roberto Abbiati, la Banda di Caricamento…in viaggio tra i porti di Napoli, Ustica, Palermo, Leuca, Porto Palo, La Valletta, Lampedusa, Favignana, Cagliari, Mahon, Marsiglia, Genova.

Libia, un anno dopo

13/04/2012

Libia,  un anno dopoUno sguardo attraverso le ferite ancora aperte di un paese in cambiamento, a un anno dallo scoppio della guerra civile che portò alla caduta di Gheddafi.