Creazioni meticcie

 

Creazioni meticcieIl Mediterraneo è un crocevia di culture, e lo è ancor di più in questo XXI secolo globalizzato. È per questo che nessuno dei muri che separano le sue rive – come reazioni vuote, sterili, prive di una visione sul futuro – potrà mai impedire alla cultura e agli immaginari di circolare e fecondarsi a vicenda.

Nessuna fortezza può proteggersi dalle creazioni che producono donne e uomini a partire dalle loro piccole grandi storie. Nessuna politica d’esclusione può appiattire, ghettizzare o escludere le loro espressioni, cancellando l’impronta della “contaminazione”.

È proprio di fecondità artistica che tratta il quarto e ultimo ciclo delle inchieste sui giovani mediterranei che pubblichiamo da un anno, in partenariato con L’Orient le jour , Bledmag e Bianet .

Lo scopo di questo ultimo ciclo è approfondire gli spazi e le creazioni dei migranti e dei giovani nel contesto urbano, tracciando un primo quadro, composito e ibrido, delle realità culturali di alcune città europee e mediterranee.

Questi reportage sono stati realizzati da una rete di 20 giornalisti in 11 paesi del Mediterraneo (Algeria, Egitto, Francia, Italia, Malta, Marocco, Palestina, Tunisia, Turchia e Spagna) e poi tradotti per poter essere pubblicai in inglese, arabo, francese, turco e italiano.

Il progetto “Tahqiq Sahafi: inchieste e giornalismo culturale nel Mediterraneo” è sostenuto dalla Fondation Anna Lindh e dalla Fondation René Seydoux.

 


Nathalie Galesne

 

Related Posts

Libertà di stampa e di opinione. Cos'è cambiato nei Paesi della "Primavera araba"

17/12/2013

medit dossier1 110 moscaSono scesi nelle piazze per chiedere più libertà, più giustizia in Tunisia, Egitto, Libia, Marocco. Nelle inchieste in quei Paesi una cronaca aggiornata che ci fa conoscere che cosa è cambiato sulla libertà di stampa e di espressione.

Dossier. Siria: resistenza cittadina

07/11/2016

 

Dossier. Syrie : résistance citoyenne | babelmed | culture méditerranéenneLa Siria stremata dai bombardamenti russi, stretta fra la dittatura di Bashar Assad e gli orrori di EI, uomini e donne della società civile: artisti, comici, attivisti, scrittori, usano il loro talento e la loro generosità per continuare a tutti i costi a vivere insieme. Articoli selezionati da Enab Baladi e Siria Untold nell'ambito del programma Ebticar.

Dossier - "Racconti..."

03/03/2015

alate 110I racconti del lavoro invisibile è un opera-progetto di contaminazione tra diverse discipline artistiche che intende esplorare in chiave crossmediale le trasformazioni del lavoro contemporaneo a partire dalle donne, dalla natura gratuita, flessibile, affettiva e relazionale del loro operare: dimensioni di cura trasformate in pratiche produttive che hanno riformulato l’intera struttura del mondo del lavoro, coinvolgendo allo stesso tempo donne e uomini.