Creazioni meticcie

 

Creazioni meticcieIl Mediterraneo è un crocevia di culture, e lo è ancor di più in questo XXI secolo globalizzato. È per questo che nessuno dei muri che separano le sue rive – come reazioni vuote, sterili, prive di una visione sul futuro – potrà mai impedire alla cultura e agli immaginari di circolare e fecondarsi a vicenda.

Nessuna fortezza può proteggersi dalle creazioni che producono donne e uomini a partire dalle loro piccole grandi storie. Nessuna politica d’esclusione può appiattire, ghettizzare o escludere le loro espressioni, cancellando l’impronta della “contaminazione”.

È proprio di fecondità artistica che tratta il quarto e ultimo ciclo delle inchieste sui giovani mediterranei che pubblichiamo da un anno, in partenariato con L’Orient le jour , Bledmag e Bianet .

Lo scopo di questo ultimo ciclo è approfondire gli spazi e le creazioni dei migranti e dei giovani nel contesto urbano, tracciando un primo quadro, composito e ibrido, delle realità culturali di alcune città europee e mediterranee.

Questi reportage sono stati realizzati da una rete di 20 giornalisti in 11 paesi del Mediterraneo (Algeria, Egitto, Francia, Italia, Malta, Marocco, Palestina, Tunisia, Turchia e Spagna) e poi tradotti per poter essere pubblicai in inglese, arabo, francese, turco e italiano.

Il progetto “Tahqiq Sahafi: inchieste e giornalismo culturale nel Mediterraneo” è sostenuto dalla Fondation Anna Lindh e dalla Fondation René Seydoux.

 


Nathalie Galesne

 

Related Posts

Dossier: Diario di un volontario Arci a Lampedusa (23 – 30 agosto 2011)

14/09/2011

Dossier: Diario di un volontario Arci a Lampedusa (23 – 30 agosto 2011) E’ un reportage che ci racconta le tante vite parallele che scorrono nell’isola bellissima del Mediterraneo, con la sensibilità di chi considera nativi e immigrati persone e non semplici numeri. Ma anche i tanti drammi e le incongruenze di una realtà dura e complessa.

Gli Hammam, identità della Medina di Tunisi

25/08/2015

0 ham 110Dei cinquanta hammam storici segnalati nel XIX° secolo a Tunisi (ma nei secoli precedenti erano 72), solo 26 hanno potuto mantenere la propria attività, diciassette sono stati distrutti e altri sette sono stati chiusi. Intervista ai proprietari di due prestigiosi hammam della Medina – Remmimi eTammarine - alle prese con difficoltà enormi che ne impediscono un funzionamento regolare e positivo. Il parere di un’esperta.

Libertà di movimento

05/09/2014

dos medit2 110La libertà di circolazione è un diritto fondamentale. Per i cittadini europei è garantito dal Trattato di Schengen, ma in Egitto, Libia, Marocco e Tunisia si configura ancora con molti aspetti difficili, problematici, come ci raccontano i quattro giornalisti che vivono in quei Paesi, autori delle inchieste giornalistiche del dossier sulla libertà di circolazione, realizzato da Babelmed per Medit.