Mediterraneo: ritratto di una generazione

Mediterraneo: ritratto di una generazione “Ritratto d’una generazione” inaugura un ampio ciclo di inchieste sui “giovani mediterranei” che Babelmed e i suoi media partner pubblicheranno nel corso del 2010. L'obiettivo è comprendere meglio i giovani di 11 Paesi: Algeria, Egitto, Francia, Italia, Libano, Malta, Marocco, Palestina, Spagna, Tunisia e Turchia.

Questa prima tappa, ci farà incontrare giovani libanesi, tunisini e italiani per scoprire le loro realtà. Condizioni a volte diverse, contrastanti, talvolta così vicine. Non hanno inquietudini e speranze molto simili tra loro?

Seguiranno altri tre cicli d’inchieste dedicati alle seguenti tematiche:

«I giovani davanti al proprio futuro. Immigrazione: una nuova “guerra”?»
Questa inchiesta affronterà le diverse realtà migratorie nel Mediterraneo. Saranno approfonditi il coinvolgimento delle donne nelle migrazioni (legali e clandestine) e le politiche attuate dai rispettivi Paesi e dall’Unione europea.

«I giovani davanti al proprio futuro. Aver vent’anni tra le macerie»
Questo tema sarà l’occasione per conoscere la gioventù di tre Paesi – Algeria, Libano e Palestina – che hanno recentemente conosciuto la guerra o situazioni di conflitto particolarmente violente. Quali vissuti, quali percezioni delle guerra e della pace portano dentro di sé?

«Diversità e metissage culturale nel contesto urbano»
Si tratterà di dare visibilità alle espressioni artistiche e alle creazioni legate alle migrazioni. Sarà tracciata una mappa delle realtà culturali delle grandi città mediterranee, valorizzando la ricchezza apportata dai migranti.



Mediterraneo: ritratto di una generazione Mediterraneo: ritratto di una generazione Questo progetto editoriale è sostenuto dalla Fondation Anna Lindh e dalla Fondation René Seydoux .



Nathalie Galesne
febbraio 2010

Related Posts

Dossier R.O.M.

11/02/2015

rom 110x110I cosiddetti “Rom” in Europa sono circa 12 milioni, caratterizzati da una diversità storica, sociale e culturale assai complessa. Molti sono integrati ormai da generazioni ma migliaia di loro vivono ancora in condizioni di estrema emarginazione e povertà, aggravate dalle politiche di alcuni governi e dai sempre più frequenti episodi di discriminazione e razzismo. Tre cicli di inchieste nel 2015 approfondiranno il fenomeno in Francia, Italia, Spagna e Turchia. 

Libertà di stampa e di opinione. Cos'è cambiato nei Paesi della "Primavera araba"

17/12/2013

medit dossier1 110 moscaSono scesi nelle piazze per chiedere più libertà, più giustizia in Tunisia, Egitto, Libia, Marocco. Nelle inchieste in quei Paesi una cronaca aggiornata che ci fa conoscere che cosa è cambiato sulla libertà di stampa e di espressione.

Libertà di movimento

05/09/2014

dos medit2 110La libertà di circolazione è un diritto fondamentale. Per i cittadini europei è garantito dal Trattato di Schengen, ma in Egitto, Libia, Marocco e Tunisia si configura ancora con molti aspetti difficili, problematici, come ci raccontano i quattro giornalisti che vivono in quei Paesi, autori delle inchieste giornalistiche del dossier sulla libertà di circolazione, realizzato da Babelmed per Medit.