Mediterraneo: ritratto di una generazione

Mediterraneo: ritratto di una generazione “Ritratto d’una generazione” inaugura un ampio ciclo di inchieste sui “giovani mediterranei” che Babelmed e i suoi media partner pubblicheranno nel corso del 2010. L'obiettivo è comprendere meglio i giovani di 11 Paesi: Algeria, Egitto, Francia, Italia, Libano, Malta, Marocco, Palestina, Spagna, Tunisia e Turchia.

Questa prima tappa, ci farà incontrare giovani libanesi, tunisini e italiani per scoprire le loro realtà. Condizioni a volte diverse, contrastanti, talvolta così vicine. Non hanno inquietudini e speranze molto simili tra loro?

Seguiranno altri tre cicli d’inchieste dedicati alle seguenti tematiche:

«I giovani davanti al proprio futuro. Immigrazione: una nuova “guerra”?»
Questa inchiesta affronterà le diverse realtà migratorie nel Mediterraneo. Saranno approfonditi il coinvolgimento delle donne nelle migrazioni (legali e clandestine) e le politiche attuate dai rispettivi Paesi e dall’Unione europea.

«I giovani davanti al proprio futuro. Aver vent’anni tra le macerie»
Questo tema sarà l’occasione per conoscere la gioventù di tre Paesi – Algeria, Libano e Palestina – che hanno recentemente conosciuto la guerra o situazioni di conflitto particolarmente violente. Quali vissuti, quali percezioni delle guerra e della pace portano dentro di sé?

«Diversità e metissage culturale nel contesto urbano»
Si tratterà di dare visibilità alle espressioni artistiche e alle creazioni legate alle migrazioni. Sarà tracciata una mappa delle realtà culturali delle grandi città mediterranee, valorizzando la ricchezza apportata dai migranti.



Mediterraneo: ritratto di una generazione Mediterraneo: ritratto di una generazione Questo progetto editoriale è sostenuto dalla Fondation Anna Lindh e dalla Fondation René Seydoux .



Nathalie Galesne
febbraio 2010

Related Posts

Dossier R.O.M.

11/02/2015

rom 110x110I cosiddetti “Rom” in Europa sono circa 12 milioni, caratterizzati da una diversità storica, sociale e culturale assai complessa. Molti sono integrati ormai da generazioni ma migliaia di loro vivono ancora in condizioni di estrema emarginazione e povertà, aggravate dalle politiche di alcuni governi e dai sempre più frequenti episodi di discriminazione e razzismo. Tre cicli di inchieste nel 2015 approfondiranno il fenomeno in Francia, Italia, Spagna e Turchia. 

Strage di innocenti a Lampedusa

08/08/2013

Lampedusa finibus terrae

 La notte tra il 2 e il 3 ottobre a poche miglia dalla riva, un barcone salpato dalla Libia con circa 500 persone a bordo ha preso fuoco e si è inabissato.

Per riflettere sulle cause profonde di questa ennesima tragedia, ripubblichiamo il dossier di Babelmed su Lampedusa uscito in agosto.

Vittorio Arrigoni, 1975-2011

30/04/2011

Vittorio Arrigoni,  1975 - 2011Se n’è andato Vittorio, come tanti altri, pur lasciando le sue radici salde in Palestina. La sua vita è stata un continuo messaggio di solidarietà verso chi soffre, perché non ha più i diritti neanche per piangere. Grazie Vittorio per averci insegnato che restare umani è l’unica vera lotta per la quale vale la pena diventare “shahid”.