MUZZIKA! 2010

MUZZIKA! 2010 MUZZIKA! 2010
MUZZIKA! 2010 MUZZIKA! Dicembre 2010
Ravi Shankar ci regala una magistrale lezione di musica e filosofia. La musica persiana nelle poesie di Omar Khayyam, interpretate da Alireza Ghorbani. La Compagnie Montanaro presenta un album di canzoni frutto di tre anni di viaggi in paesi straziati dalla guerra. Manu Théron celebra lo spirito popolare di Marsiglia. Flavio Esposito con la sua chitarra partenopeo-brasiliana! Un buon anno di musica!
 
MUZZIKA! 2010 MUZZIKA! Novembre 2010
Questo mese in primo piano Spagna e Portogallo, con due grandi voci: Martirio e Ana Moura. Il Marocco e le sue musiche gnawa, con Majid Bekkas, Karim Ziad e Hamid El Kasri. Infine un periplo jazz, pieno di Mediterraneo, Africa e America, del sassofonista francese Pierre Bertrand. Buon ascolto!
 
MUZZIKA! 2010 MUZZIKA! Ottobre 2010
Per questo mese, Natacha Atlas, che si impone come la principale voce femminile araba del momento. Il contrabbassista Renaud García-Fons e il gruppo mediterraneo Oneira ci portano in giro per il “Mare di mezzo”. I fratelli Binobin presentano un album gioioso di “gnawa groove e marock’n pop”! Infine, il dolore dell’Iraq annientato da una guerra ventennale si esprime nello ‘oud affranto di Ahmed Mukhtar...
 
MUZZIKA! 2010 MUZZIKA! Settembre 2010
Questo mese, viva la diversità, con la musica del sud della Francia del gruppo Moussu T e lei Jovents, il bell’album dell’italiano Peppe Voltarelli, le canzoni portoghesi e brasiliane di Antonio Zambujo, i ritmi flamenco-spagnoli di Paco el Lobo, le sonorità Gnawa di Nour Eddine Fatty, e infine le percussioni dell’iraniano Ramin Rahimi.
 
MUZZIKA! 2010 MUZZIKA! Maggio 2010
Protagonista questo mese è la Grecia. Ma da ascoltare ci sono anche la poesia di Pessoa in musica, Kamilya Jubran e Werner Hasler, Salim Halali, le polifonie della Liguria e, infine, le note latino-magrebino-meticce dei Fanfaraï!
 
MUZZIKA! 2010 Muzzika! Aprile 2010
Karim Baggili conferma il suo folle talento. Hadouk Trio ci porta in un benefico viaggio zen. Salma Nova canta la bossa brasiliana e libanese, in modo delizioso! Cheikh Sidi Bémol ci fa danzare a ritmo del... “Berbère Celtic Groove” e Les pommes de ma douche ci fanno ascoltare dello swing manouche. E da Lisbona, Sara Tavares celebra con dolci canzoni la sua Capo Verde. Tudo bem!
 
MUZZIKA! 2010 MUZZIKA! Marzo 2010
Questo mese la poesia spagnola, con l'album di Mayte Martin e quello di Vicente Pradal. E ancora la Spagna: Juan Carmona. Torna Hasna el Becharia, che canta la musica gnawa. Dal Libano una riedizione dei classici di Fairouz. Infine, da Lille, El Kado presenta un album di chitarra gitana.
 
MUZZIKA! 2010 MUZZIKA! Febbraio 2010
Questo mese, lo sbalorditivo polistrumentista Abaji, che rivendica un’eredità greco-turco-armeno-arabo-libanese. I tuareg Tamikrest,... Il cretese Giorgis Xylouris..., E il jazzista libanese Ibrahim Maalouf, che suona la “tromba araba”...
MUZZIKA! 2010 MUZZIKA! Dicembre 2009 - Gennaio2010
Per cominciare l'anno con un pieno di energia positiva: quattro dischi di chitarra manouche, perché a gennaio 2010 si festeggia il centenario della nascita di Django Reinhardt.
   

Related Posts

Dagli Zigani ai Rom, antiche e nuove mitologie

14/04/2015

tsi rom 110I soliti zingari | babelmed | cultura mediterraneaSemmai fosse possibile ricostruire un inventario dei discorsi di rifiuto contro gli «zigani» in più di due secoli, è oggi la figura dei «Rom» e in particolare la «questione rom» a canalizzare tutti gli stereotipi e ad alimentare la stigmatizzazione. Ma siamo veramente consapevoli del modo in cui queste idee si propagano? Non c’è dubbio, la doxa fa passare per naturale quel che in realtà è frutto di falsificazioni e mitologia. Viaggio nella «Romfobia» alla francese…

Piemonte Share Festival, Cops and Robber

01/11/2011

Piemonte Share Festival,  Cops and RobberLa settima edizione sarà dedicata al controverso rapporto tra arte e politica delle pratiche contemporanee.

Musalsalat e Ramadan. La festa via satellite

27/10/2008

Musalsalat e Ramadan. La festa via satelliteLe musalsalat sono fictions pensate per andare in onda durante il mese di Ramadan. Il loro pubblico naturale sono le famiglie che si ritrovano a cena dopo il tramonto all'ora dell'iftar. Un pubblico più numeroso, sistematico e bendisposto che durante tutto il resto dell'anno.