«Koshari»…cibo di strada egiziano

«Koshari»…cibo di strada egizianoSe l’appetito e il desiderio di mangiare vi sorprenderà passeggiando per le vie caotiche e rumorose del suk del Cairo, piuttosto che in quelle più europee e salmastre del litorale di Alessandria, cercate il più vicino ristorantino o piccola bancarella in cui potrete assaggiare uno dei piatti più popolari e diffusi in tutto l’ Egitto: il koshari , ghiotta combinazione di lenticchie, riso e pasta corta saltate in padella con salsa di pomodoro piccante.
Il koshari , assieme al felafel (crocchette fritte di ceci o altri legumi) rappresenta il cibo di strada per eccellenza nel paese delle piramidi.
Esistono ovunque piccoli ristoranti dove si serve solamente koshari : dietro le vetrine grandi recipienti contengono gli ingredienti già cotti e non resta che passare il tutto a fuoco vivo e degustare. E’ un piatto veloce e semplice nella preparazione, economico e nello stesso tempo enormemente nutriente grazie all’apporto di proteine e carboidrati.
Anche in Italia questa fusione di legumi e cereali crea delle specialità culinarie - come pasta e fagioli o pasta e ceci - che nonostante la povertà e semplicità degli ingredienti non hanno nulla da invidiare a piatti più ricchi ed elaborati.
Essendo, inoltre, privo di carne o pesce, è molto apprezzato nei periodi religiosi di astinenza, come per i Copti (cristiani ortodossi d’Egitto) in quaresima.
Naturalmente esistono infinite varianti di questo piatto: a seguire la ricetta base che potrete arricchire a vostro piacimento.

Koshari
Ingredienti per 4 persone
 

  • «Koshari»…cibo di strada egiziano150 gr di lenticchie verdi o brune
  • 100 gr di riso
  • 100 di pasta corta (tipo ditalini)
  • 2 cipolle
  • 1 spicchio d’aglio
  • 3 dl di passata di pomodoro
  • 1 peperoncino piccante
  • 1 presa di cumino

Lavare le lenticchie e cuocerle per circa 40 minuti in acqua salata.
Scolarle e metterle da parte.
In due pentole diverse lessare il riso e la pasta corta rispettandone
i tempi di cottura. Scolare .
Soffriggere la cipolla affettata in poco olio. Appena inizia a imbrunire,
toglierne la metà, aggiungendo al rimanente il peperoncino sbriciolato, l’aglio tritato e la passata di pomodoro. Lasciare sobbollire per pochi minuti speziando con sale pepe e cumino.
In una capace padella unire tutti gli ingredienti: il riso, le lenticchie, la pasta e la salsa di pomodoro piccante, saltando a fuoco vivo giusto il tempo per amalgamarsi. Non deve risultare troppo asciutto.
Servire nei piatti decorando in cima con la cipolla soffritta lasciata
in disparte e a piacere coriandolo fresco tritato.
 


 

Ennio Chierici 
(10/02/2009)

Related Posts

In cucina, per ricordare l’Armenia

17/04/2010

In cucina,  per ricordare l’ArmeniaIntervista a Sonya Orfalian, figlia della diaspora armena, autrice di un’opera teatrale e di un libro sulla cultura culinaria. Artista, scrittrice e traduttrice da sempre impegnata nella ricerca delle tradizioni e del ricchissimo patrimonio culturale armeno.

L'asparago

03/07/2012

asp_110Non si può negare che l'asparago ha una forma fallica. Così non c'è da meravigliarsi se i Romani avevano consacrato questa pianta a Venere dea dell'amore e se versavano abbondante succo di asparagi nei loro filtri amorosi e se i Greci li intrecciavano per farne corone nuziali.

Melanzana: grande protagonista della tavola italiana

03/07/2012

melanz_110Originaria dell’India la melanzana è un ortaggio non grasso, povero di calorie, equilibrato nei contenuti di elementi essenziali. I mussulmani la scoprirono in Persia e la diffusero nei paesi del Vicino Oriente e del Mediterraneo.