Agosto al Cairo

Se veramente non avete altra scelta che passare il mese di agosto al Cairo, ringraziate comunque il cielo. Perché questa città non si spegne mai. Nemmeno per il caldo spaventoso, la partenza di sposini della jet-set verso le coste di altri paesi, o l'esodo massiccio della popolazione media verso le coste egiziane. Ecco a voi qualche consiglio, luogo da non perdere, e concerti o proiezioni da vedere:

Da visitare:

Le dighe di El Qanater: sono le obsolete chiuse del Cairo, costruite nel 1830 a 30 km al nord del Cairo, dove il Nilo si divide in due, abandonate dopo la costruzione della diga di Assouan. Oggi le si possono visitare a bordo di barchette per gli innamorati piene di coppiette interessate alla sola lentezza del giro turistico. Musiche, danze o amorosi "apartés" fanno parte dell'atmosfera di andata e ritorno sulla barca senza fretta. El Qanater è una destinazione turistica cheap per egiziani senza soldi e un magnifico viagetto di una giornata, sul Nilo, in un Egitto reale, caloroso e divertente, senza la tensione inevitabile radicata a questi luoghi tradizionalmente frequentati da turisti occidentali.

Agosto al CairoIl museo di Oun Kaltoum e il Nilometro: Si trovano tutti e due sulla stessa isola, Raouda Island, in mezzo ad un magnifico giardino nella parte più dolce e bucolica del Cairo. Il museo di Oum Kaltoum è un piccolo tesoro d'intense emozioni, ci troviamo tantissimi oggetti che hanno appartenuto alla famosa cantante, gli abiti che ha portato per le sue legendarie canzoni, ma possiamo anche ascoltare et vedere i suoi più bei concerti, i momenti storici che ha segnato con la sua presenza o rivedere, sempre con la stessa incredulità, le immagini del suo funerale dove il popolo d'Egitto invadendo le strade piangeva la sua diva.

Il Nilometro si trova a due passi dal museo della diva, un opera dalla morigerata bellezza, costruita ai tempi della dinastia degli Abasidi, per controllare i livelli d'acqua del Nilo e prevedere cosi i luoghi delle piene ma anche e sopratutto per fissare il prezzo delle tasse.

Il vecchio quartiere copto e il Fustat: prendete la metro per andarci e scendete alla fermata Mar Girgis (San Giorgio), tutto il quartiere è stranamente calmo per la destinazione turistica che rappresenta al Cairo. Le chiese di questo quartiere sono tra le piu vecchie del mondo, alcune contengono ancora le reliquie utilizzate per il supplizio di San Giorgio che ora le giovani ragazze copte carezzano con venerazione esprimendo desideri. Una delle chiese, la chiesa sospesa, è stata costruita sopra un acquedotto romano i cui resti sono ancora visibili, un'altra contiene un sotto suolo inondato dalle acque del Nilo, il luogo, affermano i copti, dove Gesù ancora lattante ha trovato rifugio durante la fuga verso l'Egitto. Si trova anche in questo quartiere una sinagoga il cui pozzo del cortile è mostrato ai visitatori, si dice che da questo pozzo è emersa la culla di Moïse. A meno di trecento metri da questo quartiere, comincia il Fustat, la vecchia città mussulmana con la moschea di Amr Ibn el Ass, il comandante delle truppe arabe arrivate in Egitto nel 640.

Concerti e proiezioni:
Concerto di Amr Diab, uno dei più celebri cantanti della pop egiziana, a Marina, su la costa nord il 15 agosto.
Concerto di Nasseer Shama, il celebre liutista iraqueno, a "la Maison de l'Opéra" (la Casa dell'Opera) il 30 agosto.
Concerto di Musica jazz con Ashraf Mahrous, il 9 agosto 2008 a El Sakia.
Concerto di Yasser Moawad, l' 8 agosto 2008, a "la Maison de l'Opéra".

Agosto al CairoA Makan , "il luogo" in arabo, nel centro del Cairo non lontano del mausoleo di Saad Zaghloul, musiche tradizionali egiziane, con un super gruppo di musicisti, Mazaher, cantanti e musiciste di zar, la musica delle trance dei quartieri popolari. Ma anche l'accattivante gruppo dei "Gitans d'Egypte" (i Gitani d'Egitto) che cantano il blues del Delta del Nilo.

Al Teatro Al Genena:
Sospeso sulla vecchia città fatimida, in mezzo al parco Al Azhar. Luogo di grande vegetazione, di calma e di freschezza nel bel mezzo di una Cairo sempre piu inquinata, il parco Al Azhar è stato inaugurato solo tre anni fa ed è situato sopra una collina che serviva da discarica publica. Il parco si estende lungo le vecchia mura della città fatimida e un anfiteatro è stato costruito per accogliere ogni genere di artista.
Per questo mese è previsto: del jazz orientale con Akram el Sharkawy l'8 agosto, o il 15 agosto con El Door el Awal; del rap e dell' hip hop egiziano con Bel Arabi Bin Rap, il 14 agosto; canzoni popolari d' Egitto con Black Theama il 22 agosto o il 28 con Fewnkat Donia.

Al Al Kotob Khan: nella periferia di Maadi, delle proiezioni di documentari e cortometraggi. Il 20 agosto Cigare et café arabe, un documentario di Ahmad Medhat. Il 13 agosto Her Man, cortometraggio ispirato al racconto della romanziera egiziana anglofona Ahdaf Soueif, diretto da Ayten Amin.

Agosto al CairoMa non dimenticate che l'estate in Egitto è la stagione del cinema, andate dunque a vedere Hassan we Morqos con Adel Imam e Omar Shérif.

traduzione dal francese di Matteo Mancini
(
07/08/2008)

Related Posts

Grecia povera, povera Grecia

13/12/2011

Grecia povera,  povera GreciaSono vittime di conflitti che non li riguardano, come quello tra Grecia e Turchia, che ha lasciato un’eredità mortale di mine lungo il confine dell’Evros. Ma anche una volta arrivati nella sospirata terra ellenica, i muhajirin trovano un paese in crisi economica, sempre meno disposto ad offrire loro protezione ed asilo.

La trappola turca

18/04/2011

La trappola turcaAncora fermi a Van e di Mussa Khan nessuna notizia. Prosegue il viaggio tra i muhajirin afghani intrappolati nella città turca, nel limbo dell’asilo temporaneo in attesa di proseguire il viaggio, magari anche illegalmente, attraverso Grecia e Italia

2.Boats4People/Diario di bordo

18/08/2012

pante_110Pantelleria, avamposto militare dell’Europa o isola della memoria?

Abbandonate in un cimitero senza nome due barche. In una di queste, partita dalla Libia e arrivata per errore a Pantelleria il 13 aprile 2011, vennero ammassati 250 subsahariani. Tre donne, di cui la madre di 5 figli, vi trovarono la morte. Rapporti difficili tra gli isolani e i tunisini che hanno dato fuoco nell’agosto del 2011 all’ ex-caserma Barone.