Alik: Orchestre National de Barbes

Alik: Orchestre National de BarbesDal 4 Febbraio del 2008 "Alik", il terzo ed ultimo album dell'Orchestre National de Barbès, è finalmente nei negozi, registrato nell'ormai famoso spazio chiamato l'Officina (prima di restituire le chiavi!). Vi si trova un omaggio ad alcuni grandi artisti della canzone algerina: Mohamed Larbi, detto Cheikh Mamachi con il brano dalle sonorità decisamente rock "Civilizi oki" ; Slimane Azem con "Résidence 2", evocazione della condizione di immigrato; Mohamed Mazouni con "Lila". D'altronde, la reprise stupefacente di "Sympathy for the devil", un brano dei Rolling Stones permette al gruppo di continuare il proprio lavoro di apertura musicale e culturale. Perché come sempre, numerose influenze si incrociano e si fondono nella musica dell'ONB, lo chaâbi, il raï, il reggae, la musica gnawa, ma l'incursione decisa del rock trasforma "Alik" nell'album del cambiamento.




Fondato nel 1995 da Youcef Boukella, bassista e compositore, l'Orchestre National de Barbes (ONB) diffonde una filosofia del métissage in cui si incrociano una moltitudine di culture. Ad 'immagine di questa confraternita di dodici musicisti per la maggior parte originari del Maghreb, la musica distillata dall'Orchestre National de Barbes è un repertorio di sangue misto che raccoglie ritmiche tradizionali e moderne, sacre e profane, urbane e rurali: tra rock e tradizione, gnawa, raï, salsa, chââbi, reggae, alaoui o ancora jazz, l'Orchestre National de Barbes ha un suo segreto per riuscire nel suo intruglio e non perderà per un secondo il suo brio e la sua gaiezza.
Alik: Orchestre National de Barbes

info: www.orchestrenationaldebarbes.com
(30.05.2008)

Related Posts

Quando la guerra è raccontata dalle donne

18/10/2016

torino-110Una mostra a Palazzo Madama, Torino, fino al 13 novembre prossimo, racconta il lavoro delle donne fotoreporter, seguendole “In prima linea”. Per cercare la differenza femminile nello sguardo che racconta il dolore estremo che segna tutti i luoghi di guerra. Intervista con Andreja Restek, giornalista e fotoreporter, cheha curato l’iniziativa insieme alla giornalista Stefanella Campana.

Moni Ovadia e “L’esilio dal leggio”

26/09/2010

Moni Ovadia e “L’esilio dal leggio”Intervista all’artista impegnato in un laboratorio teatrale al Conservatorio di Alessandria. “Sono tuttora in una fase sperimentale. Non sono mai stato convinto dal teatro di prosa in senso classico e nemmeno dal teatro musicale di tipo operistico”

Primo bando per progetti Ebticar: la vitalità del digitale arabo

20/08/2014

cfi select 110La qualità e quantità dei progetti che hanno partecipato alla selezione finale del primo bando lanciato da EBTICAR, organizzata l’8 e 9 luglio alla Villa Méditerranée di Marsiglia, hanno dato la misura della ricchezza del patrimonio culturale online nelle società arabe.