Novelle marocchine

  Con un tratto di piuma (D’un trait de plume)
Una nuova generazione di scrittrici si rivolge al genere letterario della novella per evocare preoccupazioni, speranze, suggestioni sul proprio paese, il Marocco.
  Khadija Younsi, «Rosa, Apriti!»
Quando il medico è venuto a visitarmi la mattina e mi ha auscultata di nuovo, ha confermato la mia buona salute spiegandomi che il mio corpo, questa piccola gemma, cominciava a sbocciare.
  Latina Baqa, «La camera accanto»
Ha aperto l’armadio e ha tirato fuori un flacone di profumo di grandi dimensioni, il genere che si trova nei mercati di contrabbando…E ha cominciato a spruzzarlo sui miei vestiti e sui capelli.
  Latifa Labsir, «Mennana»
Ogni cosa contribuiva alla felicità della nostra infanzia, felicità che prendevamo in prestito, io e mia sorella, dalla gioia di Mennana…
  Aïcha Bourjila, «Il cavallo di campagna»
Si morde le mani dalla rabbia. Sono due ore che si strofina gli occhi e che scrocchia le dita…
  Zagara Ramij, «Storia di un funzionario modello»
Grazie ad una forte dose di caffeina nel mio caffè preferito – il Robusto – e al catrame della sigaretta, combatto le folli allucinazioni che mi sorprendono di tanto in tanto.
Kenza Sefrioui
Traduzione dal francese di Matteo Mancini
(09/04/2009)

Related Posts

Muhammad Barrada: Il gioco dell’oblio è un avvenire bloccato

08/07/2009

Muhammad Barrada: Il gioco dell’oblio è un avvenire bloccatoA maggio di quest’anno Mesogea ha pubblicato “Il gioco dell’oblio”, libro del 1987 di uno dei massimi scrittori marocchini viventi, Muhammad Barrada, scrittore e critico letterario.

Madrelingua

03/06/2013

linguak_110La prima lingua, la madrelingua, è il filo conduttore di Tu non parlerai la mia lingua (Mesogea, 2010), ma il titolo originale è in arabo, titolo ispirato ai Diari di Kafka, che evocava con gli stessi termini il suo rapporto allo yiddish.

Nejma, la stella di Tangeri

24/03/2010

Nejma,  la stella di TangeriLa prima rivista letteraria del Marocco pubblica racconti e poesie inediti di autori affermati del panorama tangerino e marocchino (M'Rabet, Meddeb, Tahia...) e sconosciuti esordienti in diverse lingue. Intervista all’editore e librario Simon-Pierre Hamelin.