Rami Farah

Rami Farah
Rami Farah
Infrangere i tabu:
Samt (Silenzio): Le notizie sulla caduta della città di Kuneitra annunciata nel 1967 da Radio-Damasco, continuano ad ossessionare gli animi. In realtà, la caduta annunciata da Hafez el Assad non corrisponde alla realtà. Il giovane documentarista ritorna su questa pagina oscura della storia siriana… dopo 40 anni di silenzio. Il film disturba. Vietato dal governo,  ne è stata vietata la proiezione al festival del documentario DOX BOX ed è stato proiettato un’unica volta in Siria, clandestinamente, nei locali dell’Istituto francese del Vicino Oriente. Rami nonostante desideri andare più lontano, si diverte a stuzzicare il regime e a scherzare: “Non ho nessun problema con il governo. È il governo che ha un problema con me!”.

Un profondo sentimento di solitudine:
“Ciò che manca di più in Siria, è un’ “audience”, un pubblico. Dentro i cinema, a Damasco, la programmazione si compone unicamente di film d’azione, di film indiani: è un cinema per militari in permesso! Al cinema Cham , c’è qualche buon film straniero… tre o quattro volte all’anno. I soli film stranieri che possiamo vedere regolarmente in Siria, sono quelli egiziani.
Nell’ambito della creazione cinematografica, siamo cosi poco numerosi in Siria, che a volte mi sento veramente solo… questo festival fa veramente del bene!”.

Coproduzione siro - americana?
Nel film-performance Not a matter of if but when , le dichiarazioni di Rami filmate dalla cinepresa mescolano i confini tra realtà e finzione, oggetto e soggetto, “loro”e “noi”. La poesia prevale sui giudizi della storia. Questo film Rami l’ha fatto con due segretari di produzione americani: Julia Meltzer e David Thorne e la pellicola è stata premiata al Festival Manifesto di Berlino. Rami è contento di quest’avventura, eppure, si chiede:“Ho fatto un film con dei registi americani. Ma in generale non mi piace andare a chiedere alle produzioni straniere di finanziare i miei film. Mi piace restare libero!”.


Documentari realizzati:
2006, Silenzio , 35 min
2007, Harafish Epic , 8 min
Progetto in corso: Military zone no entry, no camera .

Performance:
2006, Not a matter of if but when , 32 min, performance realizzata sotto la direzione di Julia Melzter e David Thorne.


Traduzione dal francese: David Mancini
(21/04/2009)

Related Posts

La commedia siriana.. tra “assadismo”, immoralità e high society

06/11/2016

Dossier. Syrie : résistance citoyenne | Ebticar, Samar Yazbek, narguilé, Tartous, activistes syriens, soap syrienPer molti siriani il mese di Ramadan si identifica con le serie tv, quasi come con la liquirizia e il tamarindo, dato che nelle ultime decadi ne è divenuto elemento cardine e rituale da non perdere. Enab Baladi / Ebticar

Quando il dialogo interreligioso diventa realtà

11/10/2008

Quando il dialogo interreligioso diventa realtàDa Deir Mar Musa a “Torino Spiritualità” testimoni di fede parlano di speranza. Nel convento in Siria l’esperienza comunitaria di Padre Paolo Dall’Oglio permette a musulmani e cristiani, siriani e stranieri di trovare, nel monastero un futuro comune.

Deir Dar Musa: Progetto “the Sham Spiritual Oasis”

17/10/2008

Deir Dar Musa: Progetto “the Sham Spiritual Oasis” L'oasi spirituale Sham è vista come una zona ambientale, culturale e religiosa, un posto dove la gente con identità diverse può meditare, pregare, riposare ed interagire.