L’arte in Egitto alla Fiera di Torino

L’arte in Egitto alla Fiera di Torino L’arte moderna e contemporanea in Egitto
Non esiste in Italia una storia completa dell'arte dei paesi del Mediterraneo.
Egitto Profilo dell'arte moderna e contemporanea dei paesi mediterranei è la prima pubblicazione che finalmente colma questa lacuna. Si tratta del primo di tre volumi in cui Martina Corgnati, storica dell’arte e curatrice di centinaia di mostre e cataloghi che da tempo dedica una speciale attenzione all’arte nel mondo mediterraneo e nel Vicino Oriente, ricostruisce le vicende dell’arte moderna e contemporanea in alcuni paesi di lingua araba affacciati sul bacino del Mediterraneo: Siria, Libano, Giordania, Iraq, Territori Palestinesi, Egitto.
Organizzato secondo un criterio essenzialmente storico-cronologico e corredato d’immagini, questo primo volume indaga puntualmente ed espone, in forma non strettamente specialistica, generi espressivi, tecniche e movimenti della pittura e della scultura, personalità
note o sconosciute in Europa, che compongono il paesaggio spesso incognito dell’arte moderna e contemporanea in Egitto. Dagli esordi – ai primi del Novecento – all’epica nazionalista di Nasser, via via fi no ai nostri giorni, quando i confi ni dell’identità sono divenuti, da un lato, molto più nitidi e quasi invalicabili ma, dall’altro, più labili e indistinti, Egitto ci consegna un nuovo e appassionante strumento conoscitivo, una sorprendente lettura del Mediterraneo.


Related Posts

Cairo libera tutti

14/02/2011

Cairo libera tuttiSi spara di nuovo a piazza Tahrir, ma stavolta i botti non fanno paura, perché sono fuochi d'artificio. Alla fine ha vinto questa straordinaria piazza, che per 18 giorni consecutivi ha saputo mobilitare milioni di egiziani in tutto il paese.

Tahqiq Sahafi, giornalismo culturale e inchieste nel Mediterraneo

26/11/2009

Tahqiq Sahafi,  giornalismo culturale e inchieste nel MediterraneoSu iniziativa di Babelmed e della Fondation René Seydoux, 10 professionisti dell’informazione si riuniranno al Cairo il 5 e il 6 Dicembre per presentare un progetto editoriale comune. L’iniziativa è sostenuta dalla Fondation Anna Lindh.

Sull’essere perseguibili. Fare ricerca in Egitto dopo Regeni

16/10/2017

4-IMMAGINE 4-2Essere ricercatori sociali in Egitto oggi significa fare i conti con la paura. Non la paura comune, quella che può avere chiunque, quella di cui il/la ricercatore/trice è testimone passivo, seppure empatico. Dopo l’omicidio di Giulio Regeni, chi fa ricerca sociale in Egitto fa i conti con la propria paura. Helena Nassif ha così individuato il meccanismo di disciplinamento della paura, dove l’impunità del reato serve a rafforzare il meccanismo di autocensura dei ricercatori sociali. Un disvelamento essenziale.