Sulle strade del desiderio

Sulle strade del desiderio Quando una compagnia di teatro parte…
Quello che accade in un teatro vivente è l’incontro tra donne e uomini. Perché quello che accade in un teatro è la vita. Questo strano percorso ci porta oggi ad incontrare la Palestina. la terra da cui viene Gesù Cristo, il luogo dove un’ingiustizia assoluta ha luogo da più di sessant’anni.
Sulle strade del desiderio I "passages" di Amman
Siamo venuti nel suq di Amman per farci incantare dalla vita, dalle urla dei venditori. Senza esotismo, se è possibile. Senza orientalismo, se ne siamo capaci.
 
Sulle strade del desiderio Parlo
Parlo e mi chiedo qual è lo spazio del desiderio. Una società laica e aperta, colta e curiosa, che si trova spinta nell’assoluta assenza di giustizia e speranza. una società che si ripiega nella deriva devozionale.
 
Sulle strade del desiderio Gerusalemme, la città sacra
Molti si chiesero come fu possibile non accorgersi di ciò che stava accadendo nei lager. Noi oggi, piccole donne e piccoli uomini di un piccolo teatro di provincia, ci chiediamo come sia possibile tacere di questo crimine assoluto che distrugge la vita di migliaia di persone.

Related Posts

Primo bando per progetti Ebticar: la vitalità del digitale arabo

20/08/2014

cfi select 110La qualità e quantità dei progetti che hanno partecipato alla selezione finale del primo bando lanciato da EBTICAR, organizzata l’8 e 9 luglio alla Villa Méditerranée di Marsiglia, hanno dato la misura della ricchezza del patrimonio culturale online nelle società arabe.

Intervista ad Abani Biswas

03/09/2008

Intervista ad Abani Biswas"Attraverso il percorso interiore ognuno può trovare il sentiero per attingere a quella fonte inesauribile di energia e conoscenza che, nel contesto indiano, trova espressione nelle numerose e articolate forme artistiche come la danza, il teatro, le arti marziali e la musica."(A.B.)

I figli di Abramo fanno il loro cinema

12/01/2009

I figli di Abramo fanno il loro cinemaDue religioni e una sola cultura: da una riva all'altra del Mediterraneo, registi maghrebini ed ebrei sefarditi raccontano sul grande schermo ciò che li unisce o li separa, alzando il velo su soggetti rimasti troppo a lungo tabù. (Articolo pubblicato a dicembre 2008 dal "Courrier de l'Atlas")