Finding Palestine

Finding PalestineAssociazione culturale Aktivamente e associazione giovani palestinesi Wael Zuaiter Presentano

Finding Palestine
Storie e sentieri di una Terra
III edizione


Domenica 31 maggio a partire dalle 18.00 (Ingresso libero) al Circolo degli Artisti, via Casilina Vecchia 42, Finding Palestine propone di ripercorrere la cultura palestinese classica e contemporanea, attraverso una serata in cui le varie forme di espressione culturale troveranno spazio attraverso pittura, fotografia, teatro, scultura, danza, musica, cucina, poesia, moda e artigianato, raccontando una Palestina spesso invisibile.

Aktivamente e “Wael Zwaiter” hanno deciso di dedicare questa terza edizione al poeta palestinese Mahmoud Darwish , scomparso nel 2008. Per l’occasione l’attrice italiana Jasmine Trinca ( La stanza del figlio, Romanzo criminale, La meglio gioventù ) e altri interpreteranno le sue poesie al suono dell’oud.

Tra gli ospiti il gruppo Checkpoint 303 , un progetto musicale d’avanguardia nato nel 2004 tra Tunisia, Palestina e Francia che mescola musica elettronica sperimentale armonizzando registrazioni dal campo effettuate in Palestina con battiti elettronici, FX e sottili melodie orientali.

I Checkpoint 303 hanno aperto diversi concerti dei Massive Attack in Inghilterra e Francia e hanno svolto live set in diversi paesi con l’obiettivo di diffondere un suono per la pace, la libertà e i diritti umani attraverso una miscela di twisted electro, downtempo, breakbeats e melodie orientali.

Per l’occasione saranno allestite diverse mostre tra cui quella di pittura di Isis Rizk , la mostra storica “Palestina, ieri e oggi” e soprattutto “A walk near the sea of Gaza” di Luca Tommasini , una mostra sui pescatori della Striscia di Gaza inaugurata al Parlamento Europeo di Strasburgo lo scorso 24 marzo.

Osama Hamdan - docente di restauro architettonico di Gerusalemme, Luisa Morgantini - Vice Presidente del Parlamento Europeo, Abe Hayeem – Presidente del Architects and Planners for Justice in Palestine e Carla Benelli Storica dell’Arte parteciperanno al dibattito “Gerusalemme: identità, discriminazione e occupazione” .

Negli spazi esterni si potrà assistere a workshop di dabkhe, cucina, allo spettacolo di giocoleria “Letcirk di Anna Moben” – il circo dell’eccetera e alla performance e mostra del vignettista palestinese Samir Harb .
Dalle 19,00 cena palestinese .

Inoltre sarà messo all’asta il modello creato appositamente dallo stilista palestinese di alta moda Jamal Taslaq e si potrà assistere al film “Jerusalem: The East side story” di Mohamad Alatar .
L’evento intende dare risalto alla storica partecipazione della Palestina alla Biennale di Venezia 2009 e alla decisione dell'Unesco di dichiarare Gerusalemme Capitale della Cultura Araba 2009. Come per le precedenti edizioni Finding Palestine sarà in rete con la ONG Vento di Terra.

L’evento è organizzato con il patrocinio della Provincia di Roma , del IX Municipio del Comune di Roma , l’ Accademia delle Belle Arti di Roma e in collaborazione con il Circolo degli Artisti e Radio Popolare .

*I fondi raccolti saranno destinati al "Progetto Cartelle Scolastiche per i Bambini di Gaza"


Ufficio Stampa Finding Palestine
Francesco Lo Brutto
tel. 3314332700 – 3290951579
e-mail: francesco.lobrutto@martelive.it

Per ulteriori informazioni:
info@aktivamente.it
palestinawz@gmail.com
info@circoloartisti.it

Finding Palestine

Related Posts

A pesca di pallottole

14/10/2009

A pesca di pallottoleI pescatori di Gaza stanno disperatamente tentando di guadagnarsi da vivere ma Israele concede loro solo tre miglia di mare aperto con l’embargo che sta paralizzando completamente la Striscia.

Il 'foulard' palestinese si sfilaccia

06/08/2008

Il 'foulard' palestinese si sfilacciaUna volta associato alla causa palestinese, il “Kefiah” viene relegato al rango di banale accessorio da parte delle riviste femminili. Come è vissuta questa espropriazione dai palestinesi?

I Palestinesi raccontano la loro storia

20/04/2014

pal patrimonio 110Nell’ambito della campagna “Cultura è libertà” iniziative a Roma, Napoli, Salerno, Palermo, Torino, per valorizzare e promuovere la cultura e la creatività del popolo palestinese, non solo vittima ma protagonista, al di fuori di preconcetti, falsi storici, luoghi comuni. Dai pellegrini del passato ai libri, film e nuove guide turistiche a cura dei palestinesi. Riflessioni e testimonianze.