Festival Internazionale del Film di Istanbul

Nato nel 1982, il Festival internazionale del film di Istanbul è la rassegna cinematografica più antica, ampia e completa della Turchia. È organizzata da IKSV, la Fondazione per la cultura e le arti di Istanbul (Istanbul Kültür Sanat Vakfı).
Festival Internazionale del Film di Istanbul
La 29e edizione del festival si svolgerà tra il 3 e il 18 aprile 2010. Presenterà oltre 200 film provenienti da 57 paesi e suddivisi in 22 sezioni, tra cui lungometraggi, documentari e film d’animazione. Il festival sarà l’occasione per scoprire le novità del 2009 e del 2010, ma anche per rivedere i grandi classici, con una sezione dedicata ai grandi maestri del cinema.

Il festival prevede tre premi: il premio internazionale, « tulipano d’oro », quello nazionale e uno dedicato ai diritti umani nel cinema, con il premio « Film Award of the Council of Europe», o FACE.

Ci saranno, inoltre, dibattiti, lezioni tenute da importanti registi, concerti e feste legate al programma. È prevista anche una mostra fotografica su David Lynch dal 9 aprile al 29 maggio.

Infine, gli « Incontri sul ponte », un evento di due giorni che riunisce rappresentati delle istituzioni europee e produttori turchi per discutere sulla possibilità di nuovi finanziamenti.

Programma completo: www.iksv.org/film/program.

Proiezioni dei film: cinema Atlas, Yeni Rüya, Beyoğlu, Sinepop, Musée Pera a Beyoğlu, Kadıköy a Kadıköy, durante la settimana dalle 16,00 alle19,00 e dalle 21,30 e durante il fine settimana nelle 7 sale di Nişantaşı CityLife (City’s).

Mostra David Lynch :
Dal 9 aprile al 29 maggio presso Artane (Cihangir Sanatkarlar Caddesi - Balabanbey Çıkmazı 1). Dal martedì al sabato dalle 11,00 alle 19,00.







Related Posts

La storia di un giovane curdo obiettore di coscienza

26/04/2015

Ugur 110U?ur Bilkay, nato in Turchia, dopo molte vicissitudini in Austria e Germania, tra cui il carcere per immigrazione illegale, è il primo cittadino turco a ottenere lo status di rifugiato politico per il suo rifiuto a indossare la divisa militare. Ora vive a Torino e continua il suo impegno antimilitarista.

Turchia: stop allo sciopero della fame, nuovi negoziati col Pkk?

04/12/2012

kurd_110Per due mesi, 700 detenuti curdi hanno partecipato a uno sciopero della fame chiedendo la fine dell’isolamento del leader del Pkk,  Abdullah Öcalan, il diritto all’istruzione in curdo e il diritto di difendersi in tribunale nella propria lingua madre. Il 17 novembre lo stesso Öcalan ha messo inaspettatamente fine alla protesta. Ankara e il Pkk tornano al tavolo negoziale?

Ararat: l’arca dei curdi nel cuore di Roma

24/05/2014

dia curda 3 110Alcuni richiedenti asilo rimangono per mesi, a volte anni, bloccati dal complesso iter burocratico italiano. Senza documenti, senza aiuti economici da parte dello Stato e senza lavoro. Il centro socio-culturale autogestito di Testaccio è diventato il punto di riferimento per tutti i curdi in transito nel nostro Paese.