Stagione della Turchia in Francia

 

Stagione della Turchia in FranciaTra il primo luglio 2009 e il 31 marzo 2010, oltre 400 eventi culturali, economici ed intellettuali permetteranno di conoscere in Francia l’effervescenza, la giovinezza e la modernità della Turchia. Con una popolazione tra le più dinamiche e giovanili del mondo, la Turchia si caratterizza non solamente per la sua ricchezza culturale e storica, ma anche per la sua creatività dinamica, la sua evoluzione sociale e la sua struttura composita. La Stagione della Turchia in Francia intende esprimere la diversità di questa cultura sottolineando il desiderio di cambiamento e di apertura del Paese e mettendo in evidenza l’apporto della Turchia alla cultura europea. TV5Monde farà rivivere sui propri canali e nel sito internet www.tv5monde.com, gli eventi culturali della stagione della Turchia in Francia attraverso reportages, trasmissioni e una speciale programmazione dedicata ai grandi nomi della scena artistica turca emergente: Ziya Azazi (danza), Nuri Bilge Ceylan (cinema), Mercan Dede (DJ sufi), Ilhan Ersahin (Jazz world), Orhan Pamuk (letteratura), etc.

 


 

Related Posts

“Rosso variopinto” per le donne turche

23/02/2011

“Rosso variopinto” per le donne turche E’ il nome della rivista che sarà in edicola entro sei mesi: nasce dall’autofinanziamento di mille donne, tra cui i principali nomi dell’imprenditoria della Mezzaluna. Sulle pari opportunità, su 134 nazioni la Turchia è arrivata al 126° posto

Emergenza libertà di stampa in Turchia

06/02/2012

Emergenza libertà di stampa in Turchia È emergenza libertà di espressione in Turchia, dopo l’arresto a fine dicembre di 40 giornalisti in un sola notte per presunti legami con organizzazioni terroristiche.

Turchia: stop allo sciopero della fame, nuovi negoziati col Pkk?

04/12/2012

kurd_110Per due mesi, 700 detenuti curdi hanno partecipato a uno sciopero della fame chiedendo la fine dell’isolamento del leader del Pkk,  Abdullah Öcalan, il diritto all’istruzione in curdo e il diritto di difendersi in tribunale nella propria lingua madre. Il 17 novembre lo stesso Öcalan ha messo inaspettatamente fine alla protesta. Ankara e il Pkk tornano al tavolo negoziale?