Biennale Internazionale “Arts in Marrakech”

 

Nata nel Novembre 2005, la Biennale Internazionale “Arts in Marrakech” (AiM) è una rassegna in tre lingue (inglese, arabo e francese). L’evento è dedicato in particolare all’arte e alla letteratura contemporanea e mira a riunire scrittori affermati, registi, artisti provenienti dal Marocco e dal resto del mondo per scambiare e condividere esperienze ed idee.
Biennale Internazionale “Arts in Marrakech”
L’edizione di quest’anno si annuncia ricca di novità, ispirazione e curiosità. Il programma include cinque giorni di dibattiti, letture, proiezioni e spettacoli. AiM sarà inaugurata la sera del 19 novembre con lo spettacolo “Articulating Works and Places” a cura di Abdellah Karroum ( http://www.works-appartement22.com/ ), inclusi gli ultimi lavori di Francis Alÿs, Loredana Longo, Seamus Farrell, Franck Bragigand, Faouzi Bensaidi & Yto Barrada. La mostra permarrà fino al 19 gennaio 2010. In occasione della cerimonia d’apertura della Biennale, l’artista e regista Julian Schnabel, discuterà sulla propria vita e sul proprio lavoro con Alan Yentob. La cerimonia di apertura si concluderà lunedì 23 novembre con la proiezione di ”Man On Wire” e un dibattito con il regista James Marsh. Saranno inoltre presenti altri scrittori di talento, artisti, performer e registi che esporranno e discuteranno del proprio lavoro.

Per maggiori informazioni:
info@aimbiennale.org
www.aimbiennale.org

 


Federica Araco
(03/11/2009)

 

 

 

 

 

Related Posts

Radicalizzazione Sud-Sud, lo stato marocchino è razzista?

11/09/2008

Radicalizzazione Sud-Sud,  lo stato marocchino è razzista?Per le migliaia di Subsahariani che arrivano in Marocco oltre da frontiera algerina, il regno non è che una stazione di transito prima di raggiungere l'Europa, ultima tappa di un viaggio pericoloso. Un transito che rischia sempre più di avere l'aspetto di un capolinea.*

Nayda, giovani marocchini in movimento

02/09/2009

Nayda,  giovani marocchini in movimentoUn nuovo slancio libertario delle produzioni culturali, dalla musica al cinema, dalla grafica alla moda, a testimonianza di una libertà di linguaggio prima sconosciuta.