Maghreb des films 2009

 

Maghreb des films 2009Grazie alla qualità dei film proposti in febbraio e al considerevole afflusso di registi e pubblico, Coup de soleil e « Les 3 Luxembourg » hanno organizzato, in collaborazione, un’edizione di Maghreb des films su un periodo più lungo (due settimane) e con una rete più estesa di nove sale coinvolte, di cui quattro nella regione e cinque nella sola Ile-de-France.

Il Maghreb des films intende far conoscere meglio il cinema magrebino ancora riconosciuto e apprezzato in modo inadeguato in Francia, rispetto all’impatto del Magreb sulla vita economica e sociale del Paese.
Questa manifestazione è volta, dunque, a far scoprire al grande pubblico il patrimonio del cinema magrebino, i suoi autori di maggior talento, e tutto ciò che concerne la storia e le problematiche che affrontano le società magrebine, anche fuori dal Magreb, ovunque si trovino.

In totale nove sale cinematografiche saranno coinvolte nell’iniziativa. Ci saranno molti dei cinema già attivi lo scorso febbraio, 3 Luxembourg a Parigi, Jacques-Prévert a Gonesse e Jean-Vigo a Gennevilliers; quest’autunno due nuove sale nella periferia si assoceranno all’iniziativa: il Ciné-104 a Pantin e Cinéma du Palais a Créteil. La grande novità d’ottobre è l’ampliamento della rete delle sale ad altre due regioni: Rhône-Alpes con Les Amphis a Vaulx-en-Velin e Le Comoedia a Lyon, e infine la regione Nord-Pas-de-Calais, con altre due sale.

Isabelle Adjani, Yamina Benguigui e Serge Moati si uniranno al comitato patrocinatore.

La programmazione, proposta da Mouloud Mimoun e Gérard Vaugeois, includerà più di 20 film, in particolare:
• una selezione di film recenti e inediti, e un omaggio a Noureddine Saïl;
• una retrospettiva dedicata a Nouri Bouzid, il regista tunisino, in occasione dell’uscita del suo ultimo lavoro Making of , il 28 ottobre (Tanit d’or alle Journées cinématographiques di Cartagine nel 2006);
• Film sulla musica del Maghreb , arabo-andaluse e orientali, tra i quali Trésor de scopitones arabes e Les Crooners de la Casbah di Michèle Colléry, Essyad, musicista di Mustapha Hasnaoui, L’Étoile filante di Radhia Zouiouèche, Le Blues de l’Orient di Florence Strauss, Lounès Matoub, voce del popolo di Youcef Lalami, Les Fils di Bilal di Sébastien Pin e Julien Raout…
• tutto Zangro con À part ça tout va bien (6 corti), ma anche gli 8 episodi della sua nuova serie web Islam School Welkoum e il suo telefilm in 3 puntate diffuso su Canal + En attendant demain (3 x 26 min.);
• due parti della celebre saga algerina: Les Vacances de l’Inspecteur Tahar di Moussa Haddad (1972);
E inoltre, dibattiti in presenza delle troupe dei film, incontri e tavole rotonde.

 



Contatto stampa:
Garance Cahoreau-Gallier / garancecg@gmail.com / 06.45.81.88.82

Sito Internet:
www.maghrebdesfilms.coupdesoleil.net
www.maghrebdesfilms.fr/

 

Federica Araco
(10/10/2009)

 

Related Posts

Gli incontri di Averroé: dialogo e Mediterraneo

28/10/2008

Gli incontri di Averroé: dialogo e MediterraneoZona di contatti, di vicinati e di conflitti, il Mediterraneo potrebbe riaprire il campo delle possibilità e offrire una nuova configurazione delle relazioni tra Africa, Europa e Asia?

Intervista con Marie-Rose Moro

23/03/2014

atlas1-110biswwPsichiatra, psicoanalista, primario all’ospedale Cochin e all’ospedale Avicenne de Bobigny, Marie-Rose Moro è la principale rappresentante della clinica transculturale in Francia. Secondo lei: “le adolescenti di origine magrebina stanno globalmente meglio dei ragazzi”.

Rom: l’ingranaggio infernale delle espulsioni

09/09/2015

ingragg 11027 agosto 2015: «Buongiorno amici, ho giusto il tempo di scrivervi queste parole per chiedere aiuto a chi può venire da noi. In modo completamente illegale, più di cento militari ci stanno per buttare in mezzo alla strada. Chi di voi può venga, almeno per essere dalla nostra parte in questo momento di immenso pericolo, e protestare. Non siamo degli animali!».