Vittorio Arrigoni, 1975-2011

 

Vittorio Arrigoni, 1975 - 2011Vittorio Arrigoni assassinato a Gaza
Il militante pacifista del “free Gaza Movement” e dell'“International Solidarity Movement”, Vittorio Arrigoni, è stato assassinato a Gaza da un gruppo islamico salafita. Il suo corpo senza vita è stato ritrovato venerdì 15 aprile, all'alba, in una casa abbandonata della Striscia di Gaza.

 

 

Vittorio Arrigoni, 1975 - 2011Vittorio Arrigoni, uno di loro
Ha fatto prova della stessa forza morale dei giovani di quella regione, di Sidi Bouzid e Tunisi, Cairo ed Alessandria, Sanaa e Latakia, Benghazi e Manama, i quali sono disposti a dare la vita per la libertà

 

 

 

Vittorio Arrigoni, 1975 - 2011 La Muqawama di Vittorio
Arrigoni, nella sua intensa esperienza a Gaza aveva compreso la duplice natura delle minacce ai palestinesi: l’ostilità Israeliana e le forti divisioni in seno alla comunità palestinese. Per questo non risparmiava le sue critiche su entrambi i fronti e invitava a restare umani nella resistenza contro l’oppressione esercitata dal nemico e dai leader politici palestinesi sulla società palestinese

 


 

Related Posts

Islam e Occidente: oltre le rappresentazioni

20/06/2008

Islam e Occidente: oltre le rappresentazioniBabelmed ha riunito la sua rete di giornalisti in occasione di un incontro organizzato a Roma, in Campidoglio, con il pubblico romano.

Babelmed Mondo arabo. Inchieste e reportage nel Mediterraneo

16/02/2012

Babelmed Mondo arabo. Inchieste e reportage nel MediterraneoLontano dagli stereotipi, i giornalisti di  «Babelmed Mondo arabo»  propongono una serie di articoli sui cittadini della riva sud del Mediterraneo in Algeria, Egitto, Giordania, Libano, Libia, Marocco, Palestina, Siria, Tunisia. Il progetto è sostenuto dalla  Fondation pour le Futur (Amman) e la Fondation René Seydoux (Parigi).

Inchiesta n°4: Creazioni meticcie

13/10/2010

Inchiesta n°4: Creazioni meticcieL’obiettivo di questa inchiesta è approfondire gli spazi e le creazioni dei migranti e dei giovani nei contesti urbani, tracciando un primo quadro, composito e ibrido, delle realtà artistiche in alcune città europee e mediterranee.