Dossier Tunisia

Dossier Tunisia   Tunisia, vigilanza e fierezza
Jalel el-Gharbi insegna all’università La Manouba di Tunisi ed è corrispondente del sito babelmed.net. Affida a L’Orient le Jour la sua testimonianza, racconto di una rivoluzione vissuta in prima persona.
Dossier Tunisia Il nuovo look delle tv tunisine
La competizione nazionale si gioca in modo serrato tra Tv7, Hannibal Tv (di Larbi Nasra privilegiato dall’ex-governo) e Nessma Tv (25% del capitale è di Mediaset). L’intellighenzia tunisina si esprime e si confronta per la prima volta, sperimentando la sua immagine sul grande pubblico.
 
Dossier Tunisia Tunisia, transizione democratica difficile
Nel Paese in ebollizione i segnali di un cambiamento politico radicale non sono evidenti. Il presidente ad interim Mebazaa e il primo Ministro Ghannouchi si sono dimessi da RCD, il partito di Ben Ali: lifting di facciata? Tornato a Tunisi dopo l’esilio in Francia l’oppositore storico del regime, Moncef Marzouki (sinistra laica), che si candida alle prossime presidenziali
Dossier Tunisia Cronaca di una morte annunciata
L’ultimo mese della dittatura del presidente tunisino Zine el Abidine Ben Ali, dai fatti di Sidi Bouzid agli scontri tra la polizia e i manifestanti fino alle dimissioni del 14 gennaio.
 
   
   
   

Related Posts

Creazioni meticcie

13/10/2010

Creazioni meticcieL’obiettivo di questa ultima inchiesta è approfondire gli spazi e le creazioni dei migranti e dei giovani nei contesti urbani, tracciando un primo quadro, composito e ibrido, delle realtà artistiche in alcune città europee e mediterranee.

Obama, riva sud (del mediterraneo)

17/11/2008

Obama,  riva sud (del mediterraneo)Tutto il pianeta è stato coinvolto dalle elezioni del nuovo presidente americano, tra satira e realtà, quali impressioni e quali reazioni ha suscitato la vittoria di Obama in Marocco, Egitto, Algeria e Siria?

Dossier Egitto

01/03/2011

Dossier EgittoDopo 30 anni di governo autoritario e poliziesco, la rivoluzione egiziana del 25 gennaio è riuscita a cacciare Mubarak. Hanno vinto i giovani di piazza Tahir, quelli del social network.