Dossier. L’Europa e le primavere arabe

Dossier. L’Europa e le primavere arabe L’Europa e le primavere arabe
Donne e cittadinanza, Islam e laicità, media, giovani e nuovi assetti geopolitici regionali. Questi i temi su cui si confrontano analisti, giornalisti, blogger, attivisti, scrittori e registi delle due rive del Mediterraneo.
Dossier. L’Europa e le primavere arabe Tra Maometto e Mao
“Il vecchio mondo sta morendo. Quello nuovo tarda a comparire. E in questo chiaroscuro nascono i mostri”. Kamal Lahbib cita Gramsci per commentare i profondi cambiamenti che attraversano le società arabe contemporanee.
 
Dossier. L’Europa e le primavere arabe Twitter non fa la rivoluzione
I social network sono solo alcuni degli strumenti usati dagli attivisti per velocizzare il processo, ma la maggior parte del lavoro è stata fatta nelle strade e nelle piazze, durante i sit-in di protesta e in occasione delle manifestazioni.
 
   
   
   

Related Posts

Ushahidi: oltre 170 casi di violazione della libertà di stampa

25/07/2014

usha 110bisDal suo lancio, a fine maggio, sono già tanti i casi caricati su Ushahidi (è una parola swahili e significa “testimone”), la piattaforma web di crowdsourcing promossa da Osservatorio Balcani e Caucaso insieme a Index on Censorship, aperta a professionisti dell'informazione, giornalisti, blogger e semplici cittadini.

Il sodalizio Berlusconi-Gheddafi

28/02/2011

Il sodalizio Berlusconi-Gheddafi L’accordo di cooperazione del 2009, prevedeva diversi impegni, tra cui «progetti infrastrutturali di base». Da anni la Libia gestisce i flussi migratori nel nome dei paesi europei. Migliaia le persone finite nelle carceri libiche, sottoposte a trattamenti inumani o degradanti.

Si chiude la prima edizione di Sabir, tra musica, teatro e forum

10/10/2014

sabir 00wwwDomenica 5 ottobre si è conclusa a Lampedusa la prima edizione del Festival diffuso delle culture mediterranee. Molti gli ospiti, sia nazionali che internazionali, intervenuti per condividere esperienze e progetti su due temi chiave: “Migrazioni” e “Partecipazione e democrazia euromediterranea”.