Mamma li turchi! Arrivano con i film...

Mamma li turchi! Arrivano con i film...
Il Film Festival Turco di Roma si svolgerà dal 22 al 25 Settembre alla Casa del Cinema di Villa Borghese a Roma.

Il festival ha come motto ‘Mamma li Turchi’, frase un tempo usata dagli italiani per esprimere paura e diffidenza, che in questa occasione è completata da‘Arrivano con i Film’ per ironizzare sul passato e ricostruire i segni lasciati dalla guerra attraverso un incontro culturale.

Presidente onorario sarà Ferzan Özpetek, uno dei più amati e importanti registi in Italia e in Turchia, premiato per il suo contributo al cinema italiano.
Il primo ‘Film Festival Turco di Roma’, avrà come ospiti Yavuz Turgul, Şener Şener, Cem Yılmaz e Okan Yalabık e presenterà 30 film, alcuni rivolti al grande pubblico e altri di autori meno noti. Non mancheranno documentari e cortometraggi di giovani cineasti.

In apertura sarà presentato ‘La Stagione di Caccia’, scritto e diretto da Yavuz Turgul, a cui il Festival dedicherà la sezione FILM DEI MAESTRI con la proiezione di tre suoi: ‘Bandito’ (1996); ‘Ferita al Cuore’ (2005) e ‘Il Regista dei Film Romantici Indimenticabili’.

Tra le altre sezioni del festival: ‘ARRIVANO CON I FILM’ sulla cinematografia turca più recente, ‘DI COSA RIDONO I TURCHİ?’, dedicata alle commedie, e una sezione per le opere prime.



Related Posts

Germogli egiziani

20/05/2014

germo 110 1Tra libertà di stampa e realtà femminile, questo il fulcro dell'incontro "Primavere arabe: quali germogli?" organizzato dal Caffè dei giornalisti, giovedì 15 maggio, nell'ambito di The Arab Journalist Routes, una serie di eventi promossi dalla Fondazione Anna Lindh attraverso il progetto Dawrak - Citizens for dialogue, in collaborazione con la rivista online di cultura mediterranea Babelmed.

Il “destino” delle spose bambine nelle periferie del mondo

22/02/2014

child marr 110wwLa morte sospetta di una sposa quattordicenne nel sudest della Turchia e la proposta di bandire i matrimony precoci nello Yemen mette sotto i riflettori il fenomeno che rovina la vita di 67 milioni di ragazze, per la maggior parte nelle “periferie del mondo”.