Con le donne tunisine

 

tundo_540

Il 13 agosto 2011, giorno della ricorrenza della promulgazione del Codice dello Statuto personale del 1956, le donne tunisine sottoscrissero la Dichiarazione per i diritti delle donne, l’uguaglianza e la cittadinanza per rivendicare “il rispetto della dignità e della piena cittadinanza di tutte le tunisine”.

 

Dopo le elezioni dello scorso ottobre, lo scenario che si presenta nel paese presenta aspetti molto preoccupanti. La nuova Carta Costituzionale in via di approvazione, infatti, in luogo della richiesta di uguaglianza e parità delle donne, intende riservare loro un ruolo di “complementarietà” rispetto all’uomo.

 

Il pericolo di un grave arretramento della condizione femminile nel paese, rispetto al processo di emancipazione avviato dalla Codice in vigore dal 1956, è alto e le donne tunisine hanno preparato una petizione per chiedere all’Assemblea Nazionale Costituente di rivedere il suo progetto e di garantire il principio di uguaglianza tra i cittadini e i diritti e le libertà individuali.

  

Per sottoscrivere la petizione:

http://www.avaaz.org/fr/petition/Protegez_les_droits_de_citoyennete_de_la_femme_en_Tunisie/?cyNjrdb

 

 

Related Posts

La Tunisia è di nuovo in piazza

16/01/2018

La transizione democratica della Tunisia è scossa dalle nuove proteste che a sette anni dalla Rivoluzione dei Gelsomini stanno di nuovo infiammando le piazze. Nel mirino della popolazione – e soprattutto dei tanti giovani disoccupati – la nuova legge finanziaria e la crisi economica e del lavoro che ancora non trovano soluzione, mentre si prepara una nuova tornata elettorale

Tunisia, proteste per lavoro e libertà tra piccoli segnali di ripresa

16/06/2016

Chiedono-lavoro-110C’è ancora crisi e disoccupazione e cresce lo scontento. Il 4 giugno, a Douze (Governatorato di Kebili), scontri tra manifestanti e forze dell’ordine, incendiata la sede municipale e la caserma della Guardia Nazionale, assalti a sedi di compagnie petrolifere. Ma nella capitale revocato il coprifuoco e si iniziano a vedere gruppi di turisti.

Il nuovo look delle tv tunisine

21/01/2011

Il nuovo look delle tv tunisineLa competizione nazionale si gioca in modo serrato tra Tv7, Hannibal Tv (di Larbi Nasra privilegiato dall’ex-governo) e Nessma Tv (25% del capitale è di Mediaset). L’intellighenzia tunisina si esprime e si confronta per la prima volta, sperimentando la sua immagine sul grande pubblico