Tre incontri e una mostra fotografica per ricordare la scrittrice Lalla Romano

 

lalla_540a

 

Le Biblioteche civiche torinesi dedicano fino a giovedì 8 novembre, alla villa Tesoriera, tre incontri e una mostra fotografica dall’album di famiglia per ricordare Lalla Romano che a Torino ha vissuto a lungo. Una figura complessa e schiva, scrittrice di versi, romanzi, saggi, ma anche pittrice allieva di Felice Casorati, Lalla Romano ha attraversato tutto il Novecento con la sua scrittura asciutta e ricca di sensibilità senza indugiare nel sentimentalismo, attenta al quotidiano, alle relazioni e affetti  personali. “L’arte è astrazione. Per me scrivere è stato sempre cogliere, dal tessuto fitto e complesso della vita qualche immagine, dal rumore del mondo qualche nota e circondarlo di silenzio”, spiegava la scrittrice piemontese che  si è rivelata al grande pubblico con il romanzo “Le parole tra noi leggere”, premio Strega nel 1969, il cui titolo è tratto da un verso di Montale e dove descrive e analizza il rapporto difficile con suo figlio, ribelle e anticonformista.

Scrittrice infaticabile fino alla sua morte (a 94 anni nel 2001), Lalla Romano è amata anche per i romanzi come L’ospite su un bambino trascinato nelle complicazioni di un matrimonio fallito ed è ancora il tema del matrimonio il filo conduttore del romanzo Inseparabile che entusiasmò Pier Paolo Pasolini per la sua prosa incisiva ed efficace. In Una giovinezza inventata, romanzo autobiografico e romanzesco, la scrittrice racconta la propria giovinezza, l’amore, i disagi e le difficoltà legati alla condizione femminile. Gli ultimi romanzi  Nei mari estremi, Un sogno del Nord, Le lune di Hvar, Un caso di coscienza rafforzano l’immagine di Lalla Romano come crudele narratrice dei vizi della borghesia italiana.

lalla_540b

 


 

 

 

Related Posts

Parlami delle cose belle

09/12/2016

COSE-BELLE-110Il libro a cura di Christian Raimo che verrà presentato in anteprima da alcuni degli autori e dai registi del film sabato 10 dicembre ore 20.45 al Centro Culturale CASETTA ROSSA - via Giovanni Battista Magnaghi 14, Garbatella – Roma

Shlomo, la terra perduta

18/11/2013

shlomo110Giovedì 21 novembre, alle 18,30 al Teatro alle Colonne di Milano, il film-inchiesta di due giornalisti, Stefano Rogliatti e Matteo Spicuglia sulla più antica minoranza del Medio Oriente, gli Aramei, un popolo cristiano antichissimo che parla ancora l’aramaico. Vittima dei massacri del secolo scorso, oggi sono appena 2500.

Le porte del futuro

02/06/2015

porte 110Per tre mesi otto artisti hanno trasformato la Scuola media statale Ugo Foscolo di Roma in un atelier. Il 3 giugno inaugurate “Le porte del futuro” e la scuola si prepara a diventare una vera galleria d’arte. Permanente.