Qui finisce la terra. Antologia dalla Palestina

 

quif_270Disoccupazione e marginalità, condizione della donna araba nello spazio israeliano, ma anche sesso, religione, terrorismo e detenzione nelle carceri israeliane, pacifismo e testimonianze sulla costruzione del muro. Questi ed altri i temi affrontati da Ala Hlehel, Muhammad Ali Taha, Hisham Naffa’, Suheir Abu Oksa Daoud, Raja’ Bakriyyah, Bashir Shalash, i sei giovani scrittori palestinesi con cittadinanza israeliana in “Qui finisce la terra”.

 

L’antologia di racconti è tradotta dall’arabo a cura di Isadora D’Aimmo e intreccia storie personali e collettive sulla lacerante condizione di un popolo che non può dirsi esule perché tecnicamente non ha mai abbandonato la propria patria, la Palestina, ma che ora è stretto a viverci come una minoranza.

 

 

AA.VV., Qui finisce la terra. Antologia di scrittori palestinesi in Israele, il Sirente, 116 pagine, 10 euro.

 

 

 

 


 

 

Related Posts

Palestine o le metamorfosi dello spazio

13/10/2009

Palestine o le metamorfosi dello spazio"Palestine” di Hubert Haddad, pubblicato nel 2009 in Italia per le edizioni “Il Maestrale”, è la storia del soldato israeliano Cham che, ferito in un agguato e rapito da un commando, perde la memoria e viene accolto da una famiglia palestinese.

"Filastin" di Naji AL-Ali

15/03/2016

filastin 110In ristampa “Filastin”, la prima raccolta pubblicata in Italia con i lavori di Naji Al-Ali, il più grande cartoonist palestinese assassinato a Londra a causa delle idee espresse nelle sue opere. Introduce il libro la prefazione del vignettista italiano Vauro Senesi. Presentazione a Roma il 19 marzo.

Reading letterario palestinese

20/01/2015

jenin 110Sabato 24 gennaio 2015 a partire dalle 17.30 presso La Villetta Garbatella a Roma, pomeriggio di lettura e commento del romanzo “Ogni mattina a Jenin”, di Susan Abulhawa, edito da Feltrinelli e tradotto in 26 lingue.