Qui finisce la terra. Antologia dalla Palestina

 

quif_270Disoccupazione e marginalità, condizione della donna araba nello spazio israeliano, ma anche sesso, religione, terrorismo e detenzione nelle carceri israeliane, pacifismo e testimonianze sulla costruzione del muro. Questi ed altri i temi affrontati da Ala Hlehel, Muhammad Ali Taha, Hisham Naffa’, Suheir Abu Oksa Daoud, Raja’ Bakriyyah, Bashir Shalash, i sei giovani scrittori palestinesi con cittadinanza israeliana in “Qui finisce la terra”.

 

L’antologia di racconti è tradotta dall’arabo a cura di Isadora D’Aimmo e intreccia storie personali e collettive sulla lacerante condizione di un popolo che non può dirsi esule perché tecnicamente non ha mai abbandonato la propria patria, la Palestina, ma che ora è stretto a viverci come una minoranza.

 

 

AA.VV., Qui finisce la terra. Antologia di scrittori palestinesi in Israele, il Sirente, 116 pagine, 10 euro.

 

 

 

 


 

 

Related Posts

Disgusto

10/01/2009

DisgustoIl futuro del paese è molto grigio: me lo scrivono molti amici ebrei israeliani, persone in lacrime, lucide, coraggiose. Fumo grigio su Gaza, grigiore dei politici europei. Disgusto

A pesca di pallottole

14/10/2009

A pesca di pallottoleI pescatori di Gaza stanno disperatamente tentando di guadagnarsi da vivere ma Israele concede loro solo tre miglia di mare aperto con l’embargo che sta paralizzando completamente la Striscia.

«La musica è energia pura che mi fa piangere, adirare e gioire»

19/12/2008

«La musica è energia pura che mi fa piangere,  adirare e gioire»Sana’ Musa è una persona modesta ed estremamente sensibile che ha un delicato senso artistico. La voce armoniosa si libra trasparente a toccare i cuori. Le sue melodie, intrecciandosi armoniosamente con il pulsare della terra, ci portano ad un tempo passato indefinito, a pensare alla terra perduta.