MARIA ANA BOBONE, Fado & piano

 

mk3_mag2013All'inizio del XX secolo, il fado, musica nata nei quartieri povero di Lisbona, come suo cugino il tango (e come lui nostalgico), è stato adottato dalla società portoghese e cantato con un accompagnamento al piano nei salotti borghesi.

 

In quest'album, Maria Ana Bobone ha voluto restituire questa tradizione, accompagnandosi lei stessa a questo strumento in alcuni classici del fado, come “Que Deus me pardoe” (Che Dio mi perdoni, già cantata da Amalia Rodrigues) o “Fado xuxu”, cantata di recente da Christina Branco, un fado degli anni 20 che racconta la storia di una canzone che parte da Rio de Janeiro e incontra la samba...

Noi non conoscevamo Maria Ana Bobone, che firma questo suo secondo album, mentre il primo, “Nome de Mar” (Il nome del mare) era stato pubblicato nel 2006. Siamo stati conquistati dal suo timbro di voce e specialmente dai sapienti melismi, che pochi o poche cantanti di fado sanno eseguire con tanto virtuosismo. Il fatto di accompagnarsi al piano le permette di modulare il ritmo delle canzoni a modo suo: la chitarra portoghese, di solito centrale nelle composizioni, qui non fa che da accompagnamento.

Tuttavia non era necessario includere in quest'album, per altro piuttosto riuscito, composizioni di giovani artisti, non del tutto convincenti, o ancora fado cantati in inglese, che non aggiungono nulla all'insieme. A parte ciò, questo è un disco che nel suo insieme abbiamo ascoltato con grande piacere, e che rinnova un genere oggi in pieno fermento.

 

mk_ana333_yt_mag2013Per ascoltare “Que Deus me pardoe”:

 

 

 

 

 

 

www.mariaanabobone.com

www.arcumusic.co.uk

 

 


 

 

Nadia Khouri-Dagher

Traduzione dal francese di Alessandro Rivera Magos

Maggio 2013

 

 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

MUZZIKA ! Settembre 2015

30/09/2015

MK 0 sept 2015Un grande pianista jazz è nato: Armel Dupas, che con il suo primo album da solista, a 30 anni si piazza tra i più grandi. Decca/Universal riunisce le più grandi voci del fado in un album che farà storia. Tigran Hamasyan si concentra sui canti religiosi cristiani dell'Armenia per rendere omaggio al suo paese. Il giovane spagnolo David Salvado mantiene vive le tradizioni musicali della sua Galizia e la sua antica poesia. I 6 coristi corsi del gruppo A Filetta restituiscono la gioia pura dei canti a voce nuda. Per finire, gli italiani Sacri Cuori, nipoti di Fellini e Nino Rota, ci ricordano che l'Italia è terra di gioia di vivere, di fantasia e humor.

MUZZIKA! Marzo 2009

24/03/2009

MUZZIKA! Marzo 2009Anche questo mese facciamo il pieno di ascolti eccellenti! Per primo, un piccolo diamante che arriva dritto da Beirut, dall'ottima etichetta Forward Music: “Beirut Good Vibes” si addice al suo nome! ...

MUZZIKA ! Luglio-Agosto 2015

21/07/2015

Muzzika ! Juillet 2015 | babelmed | culture méditerranéenne

Omaggio alla Spagna e precisamente alla Galizia, con Guadi, Galego, SES e Eskorzo, nei loro stili diversi ma tutti eccellenti. Omaggio anche alla musica europea, con il duo belga Elles et Pilarzt/Gielen e l’italiano Luca Bassanese. Con loro, pensiamo, la modernità non passerà e il popolo vincerà.

Buona estate a tutti, con delle belle serate a danzare!