Porti insicuri

//Foto di Giulio Piscitelli

Ogni anno alcune migliaia di migranti e richiedenti asilo affrontano un viaggio drammatico cercando di raggiungere l'Italia dalla Grecia nascosti nei traghetti commerciali che solcano l'Adriatico. La maggior parte di loro proviene dall'Afghanistan e dalla Siria, in fuga da guerre e persecuzioni. Molti sono adolescenti, poco più che bambini. In nove casi su dieci coloro che vengono scoperti durante il viaggio o allo sbarco sono respinti – “riammessi” è il termine formale - dalle autorità italiane verso la Grecia, un paese devastato dalla crisi economica e da una violenza xenofoba senza precedenti, dove il diritto d'asilo non viene di fatto garantito e dove migranti e rifugiati devono spesso affrontare condizioni di vita inumane e degradanti.

Perché dunque all'interno dell'Area Shengen così tanti potenziali richiedenti asilo devono affrontare un viaggio che comporta rischi per la loro vita e la concreta possibilità di essere rimandati indietro?

Per sei mesi, da aprile a settembre 2013, Medici per i Diritti Umani (MEDU) ha intrapreso un'indagine-intervento, fornendo assistenza sanitaria a centinaia di migranti e richiedenti protezione internazionale in Grecia e in Italia e raccogliendo oltre cento testimonianze dirette di riammissioni sommarie di adulti e minori stranieri dai porti italiani al paese ellenico.

Le evidenze che emergono dall'indagine, raccolte nel rapporto che verrà presentato il prossimo 14 novembre a Roma (alle 11.00 presso la Sala Stampa Estera, via dell'Umiltà 83/c) dimostrano come i valichi di frontiera adriatici del nostro paese non si possano considerare "porti sicuri" dal punto di vista della garanzia dei diritti fondamentali degli stranieri e come sia necessario porre in atto azioni urgenti affinché sia assicurata l'incolumità e la tutela dei migranti, in particolare dei richiedenti asilo e dei minori non accompagnati.

La conferenza stampa vedrà la partecipazione di Medici per i Diritti Umani, dell'Associazione per gli Studi Giuridici sull'Immigrazione (ASGI) e di ZaLab che hanno collaborato alla realizzazione di questa indagine. ASGI esporrà l'azione legale intrapresa presso la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo a tutela di 19 migranti riammessi illegittimamente dall'Italia alla Grecia.

ZaLab presenterà in anteprima il video-reportage RIAMMESSI realizzato a Patrasso tra i migranti che hanno vissuto l'esperienza del respingimento e tra coloro che sono in attesa di imbarcarsi per l'Italia.

Saranno disponibili copie del rapporto.

Ufficio stampa : 3343929765 / 0697844892 info@mediciperidirittiumani.org

med iritti 150 openIl rapporto Porti insicuri è stato realizzato con il sostegno di Open Society Foundations.

 


 

 

 

 

 

Related Posts

Sole Luna Festival

04/02/2013

luna_110Dopo il successo della scorsa edizione, che ha premiato due studenti del Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo facendoli diventare registi del documentario in fase di realizzazione "Bring the Sun Home" , si riaprono le iscrizioni al Sole Luna Festival, bridging through the documentary film.

In mostra volti gemelli tra Italia e Algeria

16/11/2013

gemelli 110Aperta fino al 27 novembre a Torino la mostra a cura del fotografo Marco Saroldi e della scrittrice Donata Testa cerca di fare un parallelo tra due luoghi, due popolazioni. Una a Sud e l'altra a Nord del Mar Mediterraneo.

“Suffragette” apre il 33° Torino Film Festival

11/11/2015

torino 110A Torino dal 20 al 28 novembre 2015 con cinquanta anteprime mondiali. Quindici i film in concorso, di cui quattro italiani. Omaggio a Orson Welles a trent’anni dalla morte, protagonista del manifesto. Guest director è il regista Julien Temple. Madrina, l’eclettica attrice Chiara Francini.