Rencontres d’Averroé

“Pensare il Mediterraneo dalle due rive” è l’esigenza fondamentale dei Rencontres d’Averroès, (Gli incontri di Averroé), prestigioso appuntamento culturale di Marsiglia arrivato ormai alla sua ventesima edizione. Ma piuttosto che un pensare isolato e autoriferito di universitari e specialisti, questo ciclo di conferenze propone ogni anno di interrogarsi nel cuore di uno spazio pubblico in un modo aperto e condiviso.

Durante questa edizione, intellettuali, ricercatori, esponenti della società civile e artisti proveranno a individuare e comprendere le grandi sfide e i dibattiti che attraversano lo spazio mediterraneo del XXI secolo.

penser 545logo

Cinque tavole rotonde, ciascuna preceduta da una conferenza, ritmeranno il programma:

La questione della memoria e della trasmissione del retaggio culturale: “Atene, Cordoba, Gerusalemme. Patrimonio condiviso o negato?”
La ricerca sulle origini è limitata al patrimonio greco-latino o può essere estesa al contesto andaluso e giudeo-arabo? L’eredità andalusa fa pienamente parte della coscienza europea? O l'idea di Occidente è ancora troppo legata al glorioso passato ellenico e al mare nostrum romano?

 

La questione del Mediterraneo come scala di pensiero e di comprensione del mondo. “Il Mediterraneo: continente liquido o insieme frammentato?”

Il Mediterraneo è un territorio ancora fertile per interrogarsi sulla storia e sulle principali problematiche del nostro mondo e del nostro tempo? O è una costruzione artificiale che maschera tensioni e fratture?

 

La questione della femminilità e della mascolinità e le complesse relazioni tra donne e uomini. "Maschio-femmina, libertà e/o dominio?"
Questo è un tema centrale in tutto il mondo, ma ha un particolare significato nel contesto mediterraneo e può rivelare profonde tensioni e contraddizioni. Sono in atto importanti cambiamenti per esempio riguardo la questione della maternità e della fertilità, che è stata una vera e propria rivoluzione nel Mediterraneo. Qual è, infine, il livello di accesso all’istruzione e alla dimensione pubblica? Le relazioni tra uomo e donna continuano a basarsi sul dominio o stanno anche emergendo spazi di libertà?

La questione della guerra e della pace . "Tra l'Europa e il Mediterraneo , pace impossibile o guerra improbabile?"
Dopo le rivoluzioni arabe, il conflitto tra Israele e Palestina, la guerra in Siria e molte altre tensioni nel mondo mediterraneo tuttora in corso ci fanno chiedere: “Cosa sta accadendo proprio sotto i nostri occhi? Qual è lo stato del conflitto di oggi e quale il rapporto tra l'Europa e il Mediterraneo di domani?”

 

Il Mediterraneo creatore, l’arte nella città? “Alla ricerca di estetiche nuove”

Contro tutti gli oscurantismi, le forme di dittatura, antiche e nuove, e contro ogni ortodossia, economica e finanziaria, quali risposte stanno nascendo in campo artistico? Quale è il ruolo dei creatori nelle grandi città? Mentre movimenti di ripiego identitario e religioso si vanno rinforzando, con l’aumentare della crisi, le nuove forme artistiche possono offrire possibili alternative?

 


 

Per consultare il programma completo:

www.rencontresaverroes.net

 

 

 

 

 

 


Related Posts

“Alep point zéro”

11/05/2015

Aleppo cafe 110tazzina 40 40“Quando i contadini e gli studenti si sono uniti alla rivoluzione, hanno aperto dei varchi nei muri delle abitazioni per poter passare di casa in casa sfuggendo ai cecchini. Questi passaggi hanno collegato centinaia di case, creando così un unico spazio che ha riunito i siriani per la prima volta in quarant’anni. Questa continuità urbana è stata chiamata “Punto Zero”.

Concorso cinematografico per la diciottesima edizione di PriMed

11/10/2013

primed 110Il PriMed – Premio Internazionale di Documentario e di Reportage Mediterraneo – è dedicato ad gli autori, registi, produttori e distributori che, per i loro programmi o le loro opere, contribuiscono a una migliore conoscenza dei paesi del bacino mediterraneo, dall’Atlantico al Mar Nero.

Cinema Mediterranéen Montpellier

06/08/2015

cinemed15 110Dal 24 ottobre al 31 novembre nella città francese si terrà la 37esima edizione del Festival dedicato alle pellicole girate nel Mediterraneo. Per presentare i propri lungometraggi la deadline è il 21 agosto.