Libertà di stampa e di opinione. Cos'è cambiato nei Paesi della "Primavera araba"

 logo medit 110

logo bab 110

 

Il dossier ”Libertà di stampa e di opinione" è stato realizzato in partnership con Medit.

 

   
galvan 110

Libertà d’espressione in Marocco La fine di un’era, l’inizio di un’altra

Processi, boicottaggio e giornalisti incarcerati: metodi che continuano a pesare sulla libertà di espressione in Marocco. L’informazione era più libera negli anni Duemila, all’inizio del regno di re Mohammed VI, rispetto a oggi. Solo alcuni siti web d’informazione e i blogger indipendenti continuano a fare resistenza.

Hicham Houdaïfa

Libia 110

Libia: l’informazione nell’era post Gheddafi

Tra quotidiani, settimanali, mensili e periodici vari, attualmente si contano oltre cento testate, in continua crescita. Una reazione alla precedente chiusura totale di spazi di libertà d’espressione. Nella Jamahiria del colonnello c’erano solo sei testate, tutte governative. La prima emittente televisiva privata nella storia della Libia è stata Al-Hurra (Libia Libera), creata a Bengasi come web tv dal suo fondatore Mohammed Nabbous. La Tv statale, Allibyia, è in mano alla Fratellanza musulmana.

Farid Adly

medit tunisia1 110 persepolis

Tunisia, libertà di stampa a rischio della vita

L’informazione non è mai stata così libera, ma secondo il Centro di Tunisi per la Libertà di stampa si contano in media 25 aggressioni al mese nei confronti di giornalisti. Vanno dall’intimidazione all’aggressione fisica, passando per le molestie e le minacce di morte. I giornalisti si trovano costretti a essere “la voce di chi non ha voce”.

Jalel El Gharbi

medit egitto1 110 elezioni

I media in Egitto più “realisti” del re

Il problema attuale non sta nel margine di libertà accordata alla stampa, ma piuttosto nel caos che governa i media e la tendenza ad auto censurarsi per compiacere l'autorità o per piegarsi al clima generale. L’emittente CBC ha sospeso il popolare show satirico di Bassem Youssef, un caso di evidente repressione della libertà di espressione dopo il 30 giugno.

Dina Kabil

   
   
 

Traduzioni a cura di Stefanella Campana

 

 

 

 

 

 

Related Posts

Gli Hammam, identità della Medina di Tunisi

25/08/2015

0 ham 110Dei cinquanta hammam storici segnalati nel XIX° secolo a Tunisi (ma nei secoli precedenti erano 72), solo 26 hanno potuto mantenere la propria attività, diciassette sono stati distrutti e altri sette sono stati chiusi. Intervista ai proprietari di due prestigiosi hammam della Medina – Remmimi eTammarine - alle prese con difficoltà enormi che ne impediscono un funzionamento regolare e positivo. Il parere di un’esperta.

Libertà di movimento

05/09/2014

dos medit2 110La libertà di circolazione è un diritto fondamentale. Per i cittadini europei è garantito dal Trattato di Schengen, ma in Egitto, Libia, Marocco e Tunisia si configura ancora con molti aspetti difficili, problematici, come ci raccontano i quattro giornalisti che vivono in quei Paesi, autori delle inchieste giornalistiche del dossier sulla libertà di circolazione, realizzato da Babelmed per Medit.

Dossier - Territori mediterranei

21/10/2014

dossier ebt 110xxx yyyMai prima d’ora i territori della riva Sud del Mediterraneo, che pure hanno vissuto momenti difficili, sono stati in condizioni così precarie e complesse come quelle attuali. Eppure territori amati, e che nulla davvero dovrebbe condannare a un tale destino. Territori da scoprire in questo primo dossier Ebticar, nato grazie ai contributi di Mew Syrian Voices, Visualizing Impact, Mashallah News, Mada Masr e Inkyfada.