Libertà di stampa e di opinione. Cos'è cambiato nei Paesi della "Primavera araba"

 logo medit 110

logo bab 110

 

Il dossier ”Libertà di stampa e di opinione" è stato realizzato in partnership con Medit.

 

   
galvan 110

Libertà d’espressione in Marocco La fine di un’era, l’inizio di un’altra

Processi, boicottaggio e giornalisti incarcerati: metodi che continuano a pesare sulla libertà di espressione in Marocco. L’informazione era più libera negli anni Duemila, all’inizio del regno di re Mohammed VI, rispetto a oggi. Solo alcuni siti web d’informazione e i blogger indipendenti continuano a fare resistenza.

Hicham Houdaïfa

Libia 110

Libia: l’informazione nell’era post Gheddafi

Tra quotidiani, settimanali, mensili e periodici vari, attualmente si contano oltre cento testate, in continua crescita. Una reazione alla precedente chiusura totale di spazi di libertà d’espressione. Nella Jamahiria del colonnello c’erano solo sei testate, tutte governative. La prima emittente televisiva privata nella storia della Libia è stata Al-Hurra (Libia Libera), creata a Bengasi come web tv dal suo fondatore Mohammed Nabbous. La Tv statale, Allibyia, è in mano alla Fratellanza musulmana.

Farid Adly

medit tunisia1 110 persepolis

Tunisia, libertà di stampa a rischio della vita

L’informazione non è mai stata così libera, ma secondo il Centro di Tunisi per la Libertà di stampa si contano in media 25 aggressioni al mese nei confronti di giornalisti. Vanno dall’intimidazione all’aggressione fisica, passando per le molestie e le minacce di morte. I giornalisti si trovano costretti a essere “la voce di chi non ha voce”.

Jalel El Gharbi

medit egitto1 110 elezioni

I media in Egitto più “realisti” del re

Il problema attuale non sta nel margine di libertà accordata alla stampa, ma piuttosto nel caos che governa i media e la tendenza ad auto censurarsi per compiacere l'autorità o per piegarsi al clima generale. L’emittente CBC ha sospeso il popolare show satirico di Bassem Youssef, un caso di evidente repressione della libertà di espressione dopo il 30 giugno.

Dina Kabil

   
   
 

Traduzioni a cura di Stefanella Campana

 

 

 

 

 

 

Related Posts

I Porti del Mediterraneo, diario di bordo di artisti e scrittori

20/08/2009

I Porti del Mediterraneo,  diario di bordo di artisti e scrittoriLe suggestioni culturali di un lungo viaggio su "Adriatica" (il cutter di Velisti per caso) Per gentile concessione di Antonella Giani, presidente dell'associazione culturale Calipso e promotrice di questa felice avventura, pubblichiamo i diari degli scrittori Roberto Alajmo, Simone Perotti, Carlo Romeo, Matteo Casali e Giuseppe Camuncoli (Cammo). Tra i tanti artisti, hanno partecipato all’iniziativa lo scrittore svedese Larsson, la fotografa Marina Alessi, le artiste Elena Ledda, Chiara Zocchi, Roberto Abbiati, la Banda di Caricamento…in viaggio tra i porti di Napoli, Ustica, Palermo, Leuca, Porto Palo, La Valletta, Lampedusa, Favignana, Cagliari, Mahon, Marsiglia, Genova.

Dossier - "Racconti..."

03/03/2015

alate 110I racconti del lavoro invisibile è un opera-progetto di contaminazione tra diverse discipline artistiche che intende esplorare in chiave crossmediale le trasformazioni del lavoro contemporaneo a partire dalle donne, dalla natura gratuita, flessibile, affettiva e relazionale del loro operare: dimensioni di cura trasformate in pratiche produttive che hanno riformulato l’intera struttura del mondo del lavoro, coinvolgendo allo stesso tempo donne e uomini. 

bab-caffè

23/10/2014

cafe arabe 110x110Articoli ripresi dalla versione araba di babelmed, sostenuta dal "caffè dei giornalisti"