Yarmouk sotto assedio

//Infografica aggiornata all'11 gennaio 2014

Il campo profughi palestinese di Yarmouk, alla periferia sud di Damasco, da luglio è isolato dai soldati dell’esercito di Assad e centinaia di persone rischiano di morire di fame. Il bilancio, aggiornato all’11 gennaio scorso, è di 42 vittime ma è destinato a salire se non sarà aperto un corridoio umanitario per il passaggio di viveri e medicinali.

Benché i palestinesi abbiano scelto di non schierarsi nella guerra in Siria, le parti in conflitto hanno cercato di colpire gli avversari con ogni mezzo. I risultati sono devastanti, soprattutto per profughi e rifugiati.

Nel dicembre 2012, i ribelli dell’Esercito Siriano Libero avevano cercato di ottenere il controllo del campo e, dopo aspri combattimenti, gli aerei dell’esercito hanno bombardato la zona uccidendo decine di persone. Prima della guerra qui vivevano circa 250mila palestinesi, di cui 150mila rifugiati. Oggi i residenti sono solo 18mila.

Molti sono nuovamente in fuga, ma in circostanze ancora più pericolose che in passato. Secondo un rapporto dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il Soccorso e l'Occupazione dei profughi palestinesi nel vicino oriente (UNRWA), pubblicato il 17 dicembre 2013, “dei 540mila rifugiati palestinesi registrati in Siria, circa 270mila sono sfollati interni e circa 80mila sono scappati; 51mila sono andati in Libano, 11mila in Giordania e 5mila in Egitto. Un numero più piccolo ha raggiunto Gaza, la Turchia e paesi più lontani”.

Il portavoce dell’UNRWA, Chris Gunness, ha denunciato la “profonda sofferenza civile” della popolazione di Yarmouk. “I residenti, compresi neonati e bambini, per lunghi periodi sono stati costretti a mangiare solo verdure andate a male, animali e spezie da cucina sciolte nell’acqua”.

Purtroppo, denuncia l’organizzazione, questo “è solo uno dei tanti campi di rifugiati palestinesi dove le condizioni di vita sono, a vari livelli, intollerabili”.

//Nel campo profughi palestinese di Yarmouk, a sud di Damasco, la popolazione non ha cibo. Nell'immagine Reuters, un impressionante fiume di persone  residenti mentre aspettano di ricevere aiuti alimentari distribuiti dalle Nazioni Unite. Le potenze mondiali hanno approvato una risoluzione del Consiglio di sicurezza di riferimento chiedendo la fine delle restrizioni del regime di Assad sulle operazioni umanitarie in Siria. "Un convoglio con 900 razioni alimentari è entrato nel campo di Yarmouk a Damasco", ha indicato Chris Gunness, portavoce dell'Agenzia delle Nazioni Unite incaricata dei rifugiati palestinesi  (reuters) 


 

 

 

 

 

 

 


 

Related Posts

Ali Ferzat aggredito

14/09/2011

Ali Ferzat aggredito Non c’è nulla di più stupido, ottuso, grossolano e quindi violento di un dittatore alle strette. Il fumettista siriano Ali Ferzat ne ha pagato le conseguenze.

Gli attivisti siriani nelle zone liberate: hanno perso la loro posizione?

06/11/2016

Dossier. Syrie : résistance citoyenne | Ebticar, Samar Yazbek, narguilé, Tartous, activistes syriens, soap syrienThaer stava per laurearsi alla Facoltà di Psicologia, quando iniziò a scendere in piazza con migliaia di ragazzi della sua città per protestare nelle prime manifestazioni che rivendicavano libertà e dignità,... Enab Baladi / Ebticar

I cristiani di Siria, tra il regime e gli islamisti

27/11/2014

tazzina 30x22traspachris 110I cristiani non si possono classificare sotto la stessa etichetta politica. Oltre alle perdite umane, hanno patito la distruzione di chiese e conventi: a Malloula, Homs e Aleppo. Molti i rapimenti, come quello di Padre dall'Oglio, ostile al regime, scomparso il 29 luglio 2014 e di cui non si sa più nulla. In un paese distrutto, quale sarà il loro futuro?