KARIM BAGGILI, Kali City

//Per ascoltare “Down Town”

Vi abbiamo già presentato Karim Baggili, giovane chitarrista e 'oudista belga di origini giordane e jugoslave, di cui ci aveva entusiasmato il precedente album (http://ita.babelmed.net/aprile-2010.html).

//I fratelli JoubranIn “Kali City” ritorna con un progetto che intendeva realizzare da lungo tempo: da una parte invitare a suonare con lui i tre fratelli Joubran (Adnan, Samir e Wissam), il celebre trio di 'oudisti palestinesi, e dall'altra scambiare la sua chitarra con un 'oud. L'album quindi è diviso in due parti: nella prima, Karim suona con uno o più dei fratelli Joubran, accompagnandoli alla chitarra, salvo che per il duo di 'oud in “Ella et Jad”, dove Karim suona con Wissam, ritmato dal daf di Ahmed Khalil; nella seconda parte del disco, Karim suona quasi sempre lo 'oud accompagnato dalla sua “Arabic band”, una decina di compagni, non tutti arabi tra l'altro, con i quali spesso si esibisce in concerto.

“La musica araba è capace di cullarmi e trafiggermi allo stesso tempo, l'adoro!” confessa l'artista. Forse una prova di un certo legame misterioso e profondo che a volte riusciamo a mantenere con la nostra musica “natale”, quale che sia il paese in cui ci ha portati a vivere il destino.

 

www.karimbaggili.be - www.homerecords.be

 


Nadia Khouri-Dagher

Traduzione dal francese A.R. Magos

Gennaio 2014

 

 

 

 

Related Posts

MUZZIKA ! Settembre 2015

30/09/2015

MK 0 sept 2015Un grande pianista jazz è nato: Armel Dupas, che con il suo primo album da solista, a 30 anni si piazza tra i più grandi. Decca/Universal riunisce le più grandi voci del fado in un album che farà storia. Tigran Hamasyan si concentra sui canti religiosi cristiani dell'Armenia per rendere omaggio al suo paese. Il giovane spagnolo David Salvado mantiene vive le tradizioni musicali della sua Galizia e la sua antica poesia. I 6 coristi corsi del gruppo A Filetta restituiscono la gioia pura dei canti a voce nuda. Per finire, gli italiani Sacri Cuori, nipoti di Fellini e Nino Rota, ci ricordano che l'Italia è terra di gioia di vivere, di fantasia e humor.

MUZZIKA ! Febbraio 2013

25/02/2013

mk110_feb13Questo mese: la tromba di Ibrahim Maalouf, le dolci canzoni brasiliane di Sergio Tannus, il fado contemporaneo di Ana Moura, l'ispirata chitarra portoghese di Custodio Castelo, il sound latino-americano di Amparo Sanchez e le poesie-canzoni di Catherine Vincent.

MUZZIKA! Dicembre 2008

11/01/2009

MUZZIKA! Dicembre 2008Questo mese una scoperta: António Zambujo, le cui canzoni portoghesi sono capaci di scuotere il cuore. Un album del sassofonista belga di origine siciliana Pierre Vaiana, “Al Funduq”, omaggio ai mercanti del Mediterraneo che trasportavano con sé, da una parte all'altra, mercanzie ma anche tradizioni musicali e poetiche...