KARIM BAGGILI, Kali City

//Per ascoltare “Down Town”

Vi abbiamo già presentato Karim Baggili, giovane chitarrista e 'oudista belga di origini giordane e jugoslave, di cui ci aveva entusiasmato il precedente album (http://ita.babelmed.net/aprile-2010.html).

//I fratelli JoubranIn “Kali City” ritorna con un progetto che intendeva realizzare da lungo tempo: da una parte invitare a suonare con lui i tre fratelli Joubran (Adnan, Samir e Wissam), il celebre trio di 'oudisti palestinesi, e dall'altra scambiare la sua chitarra con un 'oud. L'album quindi è diviso in due parti: nella prima, Karim suona con uno o più dei fratelli Joubran, accompagnandoli alla chitarra, salvo che per il duo di 'oud in “Ella et Jad”, dove Karim suona con Wissam, ritmato dal daf di Ahmed Khalil; nella seconda parte del disco, Karim suona quasi sempre lo 'oud accompagnato dalla sua “Arabic band”, una decina di compagni, non tutti arabi tra l'altro, con i quali spesso si esibisce in concerto.

“La musica araba è capace di cullarmi e trafiggermi allo stesso tempo, l'adoro!” confessa l'artista. Forse una prova di un certo legame misterioso e profondo che a volte riusciamo a mantenere con la nostra musica “natale”, quale che sia il paese in cui ci ha portati a vivere il destino.

 

www.karimbaggili.be - www.homerecords.be

 


Nadia Khouri-Dagher

Traduzione dal francese A.R. Magos

Gennaio 2014

 

 

 

 

Related Posts

MUZZIKA ! Settembre 2014

17/09/2014

mk0 set14 MASHROU

In occasione di questo rientro vi presentiamo una rivelazione: il gruppo libanese Mashrou' Leila, che dimostra quanto il Libano resti pioniere nella regione in materia di creazione musicale; una “Chamamemusette” concepita da due “fisarmonicisti-poeti”, Raul Babroza e Francis Vairs; una produzione jazz molto “sentimental mood” e...

 

MUZZIKA! Ottobre 2010

19/10/2010

MUZZIKA! Ottobre 2010Per questo mese, Natacha Atlas, che si impone come la principale voce femminile araba del momento. Il contrabbassista Renaud García-Fons e il gruppo mediterraneo Oneira ci portano in giro per il “Mare di mezzo”. I fratelli Binobin presentano un album gioioso di “gnawa groove e marock’n pop”! Infine, il dolore dell’Iraq annientato da una guerra ventennale si esprime nello ‘oud affranto di Ahmed Mukhtar...

MARIA ANA BOBONE, Fado & piano

20/05/2013

mk110ana_mag2013All'inizio del XX secolo, il fado, musica nata nei quartieri povero di Lisbona, come suo cugino il tango (e come lui nostalgico), è stato adottato dalla società portoghese e cantato con un accompagnamento al piano nei salotti borghesi.